Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1030
MODICA - 12/04/2011
Attualità - Modica: si tratta della prima gara nel suo genere in provincia, 30 i partecipanti

Certamen Latinum Mutycense al liceo "Campailla"

La prova consiste in una traduzione dal latino con commento stilistico

Trenta liceali si sfidano in latino. Si tiene giovedì la prima edizione del «Certamen latinum Mutycense» presso la sede del liceo classico Tommaso Campaila, istituto che ha promosso l’iniziativa. Si tratta di una gara di traduzione dal latino con commento stilistico e letterario rivolta a studenti liceali del penultimo e ultimo anno.

Sono in tutto trenta i liceali in gara provenienti da numerosi istituti della Regione Sicilia: Gorgia di Lentini, Spedalieri di Catania, Gulli e Pennisi di Acireale, Eschilo di Gela, Majorana di Avola, Cannizzaro di Vittoria, Carducci di Comiso, Cataudella di Scicli e Fermi di Ragusa oltre a tre studenti del Campailla.

I lavori dei partecipanti saranno valutati dalla commissione giudicatrice, presieduta da Francesco Milazzo, ordinario di Diritto Romano all’Università di Catania, e composta dai docenti Emilio Galvagno, ordinario di Storia Greca all’Università di Catania, da Tania Belluardo, Michele Blandino, Ottavio Manenti, Enza Sigona e Lucia Trombadore, docenti di Lettere classiche presso il Campailla. Sabato alle 10 nell’aula di Scienze del Campailla si terrà la premiazione del Certamen alla presenza delle autorità istituzionali e scolastiche. I primi tre classificati riceveranno una somma in denaro ed un attestato di merito.

Il «Certamen Latinum Mutycense» è la prima gara del suo genere che si tiene in provincia ed è propedeutica all’inserimento della gara di traduzione nell’ambito del programma delle eccellenze del Miur per il prossimo anno scolastico.