Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1083
MODICA - 09/04/2011
Attualità - Modica: firmato il protocollo con l’impresa appaltatrice per la ripresa dei lavori

I nuovi lampioni di corso Umberto si accenderanno

Previsto anche lo spostamento di un palo prospiciente palazzo S. Domenico
Foto CorrierediRagusa.it

Per il completamento dell’impianto di illuminazione artistica in corso Umberto c’è il sì dell’Enel. Nonostante sia stato completato un anno fa l’impianto non è mai entrato in funzione tranne che i lampioni di piazza Matteotti.

L’Enel ha infatti richiesto l’individuazione di un nuovo punto di collegamento che è stato ora possibile individuare da parte dei progettisti. Non sono mancare tuttavia le difficoltà burocratiche visto che il progetto originario è stato modificato in corso d’opera anche perché ampliato. L’impresa appaltatrice dei lavori ha sottoscritto ora l’accordo con palazzo S. Domenico per la ripresa dei lavori che dovrebbero comunque essere celeri. Bisognerà infatti prevedere solo un breve scavo a terra per il passaggio di alcuni cavi e lo spostamento di uno dei due pali che si trovano davanti a palazzo S. Domenico (nella foto).

I progettisti infatti hanno posto il palo in modo asimmetrico davanti alla facciata del palazzo con danno all’estetica della facciata. Il palo sarà dunque spostato più in là per recuperare l’armonia. Dice l’assessore Peppe Sammito: «Realisticamente tutto questo potrebbe essere concluso, nel giro di poche settimane, ma i lavori potranno dirsi completi solo quando, acceso finalmente il nuovo impianto, verrà interamente rimosso il vecchio.

Dovrà essere l’Enel ad effettuare l’allaccio e ci impegniamo sin d’ora a seguire con maggiore attenzione questo passaggio che probabilmente risulterà il più delicato, dal momento che dipende dalla società elettrica«.