Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1001
MODICA - 06/04/2011
Attualità - Modica: è promosso dall’Ordine degli Architetti della provincia, tra i relatori Massimo Carmassi

Convegno su "Architettura e recupero dei centri storici"

Le proiezioni di alcuni progetti saranno visibili fino a venerdì prosismo sulla facciata del palazzo della Cultura

Si parla di architettura contemporanea e centri storici nel convegno che si tiene venerdì alle 17 presso il palazzo della Cultura. Il convegno è stato promosso dall’Ordine degli architetti della provincia da «Focus Cultura» e dalla Fondazione «Arch». Due i relatori di rilievo che approfondiranno i temi dell’arredo urbano, del restauro dei monumenti, della loro conservazione e del loro riuso. Marco Mulazzani,docente di Storia dell’architettura contemporanea all’Università di Ferrara e redattore della rivista Casabella, parlerà su «Città antica e nuova architettura».

Massimo Carmassi, docente di Composizione architettonica e urbana all’IUAV di Venezia, autore di numerosi interventi di restauro e riqualificazione di contesti storici e vincitore di prestigiosi riconoscimenti, membro della «Internationale Bauakademie Berlin» e socio onorario della «American Institute of Architects», approfondirà l’argomento. Il convegno svelerà gli aspetti della qualità architettonica degli interventi, delle metodologie da utilizzare per favorire meccanismi di conservazione, trasformazione e riuso che garantiscano un innalzamento delle funzioni urbane e della qualità urbana della struttura dei nuclei centrali. Marco Rosario Nobile, docente di storia dell’architettura all’Università di Palermo, tratterà invece il tema legato alla straordinaria qualità dei tessuti storici e dei monumenti delle città del Val di Noto, diretta conseguenza della stagione della ricostruzione post-terremoto del 1693.

Il convegno sarà concluso alle 21 con la proiezione sulla facciata del palazzo della Cultura delle immagini di importanti progetti di architettura contemporanea, esempi di riqualificazioni di spazi degradati e riportati a nuove ed interessanti funzioni più qualificate.

La mostra «Tradizione e Contemporaneità: Proiezioni di Architetture» sarà visibile nelle ore notturne (21.00-24.00) fino a venerdì prossimo.