Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1209
MODICA - 05/04/2011
Attualità - Modica: percorso di avvicinamento alle festività nel solco della tradizione

C´è Pasqua e S. Giorgio slitta all´otto Maggio

Necessario il cambiamento di data anche per la concomitanza con domenica 1 Maggio

La settimana pasquale coincide quest’anno anche con la festa di S. Giorgio che da tradizione si festeggia a Modica la prima domenica dopo il 23.

La coincidenza con la Pasqua ma anche con la domenica successiva, quando cade il primo maggio, ha obbligato la parrocchia e gli organizzatori a spostare la festa del patrono all’otto maggio. E’ una data che va bene anche ad albergatori e settore turistico visto che allunga il periodo festivo e diluisce un fine mese ricco di appuntamenti ed anche i più devoti hanno dovuto prendere atto della necesità di uno slittamento, che non è sulla scia della tradizione.
Il mese di aprile in città si presenta denso di appuntamenti tra mostre, settimana della cultura e riti pasquali e si allungherà così fino alla prima settimana di maggio.

Intanto a palazzo Grimaldi è stata inaugurata la mostra sull’Annunciazione di Antonello da Messina. Sono 35 pittori contemporanei che si sono ispirati all’opera di Antonello da Messina, che segna una pietra miliare nell’arte del 400’ europeo. La collettiva, curata da Poalo Nifosì, è ospitata a palazzo Grimaldi e propone 35 reinterpretazioni attingendo al proprio personale patrimonio di sensibilità e al notevole bagaglio tecnico che contraddistingue pittori come Guccione e Sarnari del gruppo di Scicli ma anche giovani artisti locali.

La Fondazione Grimaldi ha inoltre organizzato un convegno per venerdì alle 17.30 a Palazzo Grimaldi sul tema: «L’Annunciazione di Antonello da Messina: contemporaneità del messaggio dell’Annunciazione» Relatori saranno il Sac. Don Umberto Bonincontro e Paolo Nifosì. La riflessione su un tema così centrale del cristianesimo viaggerà dunque sul doppio binario della parola e dell’arte pittorica, che avranno modo di arricchirsi l’un l’altro.