Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 636
MODICA - 04/04/2011
Attualità - Modica: soddisfatto l’assessore Sammito

Modica, i lavori contratto di quartiere avanti a buon ritmo

Il nuovo tracciato sarà asfaltato ed aperto al traffico alleggerendo così il traffico in tutto il quartiere ed in attraversamento della città
Foto CorrierediRagusa.it

Il contratto di quartiere va avanti. A due mesi dall’inizio dei lavori non si registrano intoppi ed il cantiere rispetta i tempi. «Siamo soddisfatti – dice Peppe Sammito (da sx nella foto con il sindaco Antonello Buscema), assessore ai Lavori Pubblici- Grazie anche al bel tempo che ha favorito il regolare andamento dei lavori contiamo di aprire il tratto che va dalla rotatoria di via Risorgimento a quella di piazzale Bruno entro la fine del mese.

Il nuovo tracciato sarà asfaltato ed aperto al traffico alleggerendo così il traffico in tutto il quartiere ed in attraversamento della città». Il contratto di quartiere ha anche portato alla apertura di una nuova arteria al servizio delle palazzine di Treppiedi nord. Si tratta di una strada di penetrazione che mette in collegamento con l’asse viario principale ed alleggerisce il traffico secondario. La strada è stata già tracciata ma non ancora asfaltata. I lavori a Treppiedi comporteranno inoltre l’abbattimento delle tre torri in cemento armato che da quasi trenta anni punteggiano tutto il quartiere.

Tutte le fasi propedeutiche all’abbattimento dei ruderi sono ormai state espletate e si attende solo l’abbattimento che avverrà grazie alla posa di materiale esplosivo sui pilastri. La competenze del progetto di abbattimento e di costruzione delle nuove palazzine è dello Iacp ed i tempi sono ormai molto stretti. L’abbattimento dei ruderi comporta tuttavia problemi di sicurezza e si attende il piano concordato con il servizio di Protezione Civile per non arrecare danno ai residenti e soprattutto perché il lavoro venga svolto nella massima sicurezza.

Dopo la rotatoria di contrada Musebbi, ormai pienamente funzionante, il cantiere dei lavori si è invece spostato in contrada Michelica per la seconda rotatoria che dovrà servire sia la zona artigianale di Michelica sia il nuovo grande centro commerciale che aprirà, almeno secondo i programmi, a novembre. Gli operai sono già a buon punto per la sistemazione delle due parti esterne della rotatoria e passeranno a breve alla parte centrale per una apertura che è prevista a fine giugno o comunque entro l’estate.

L’ingresso dalla parte sud in città, lato Siracusa Ispica, avverrà dunque attraverso la rotatoria di Michelica lungo il tratto della Ss115 che passerà attraverso la rotatoria di Musebbi e poli lungo l’anello stradale del Polo Commerciale che sarà a quattro corsie, separate da una fascia centrale a verde ed i marciapiedi per ogni lato della arteria, che sarà dotata anche di panchine e di illuminazione. Se tutto procede secondo i programmi per il versante sud molto resta da fare dal lato nord, ovvero in entrata da Ragusa. Per il bivio e la rotatoria di Dente Crocicchia infatti esiste il finanziamento di tre milioni 400 mila euro ma la somma non è ancora nella disponibilità dell’ente che dovrà attendere prima di appaltare i lavori.

Altro nodo irrisolto è la rotatoria della Caitina che dovrà fungere da altro importante spartiacque per il traffico in entrata in città. Il contratto di quartiere di Treppiedi inoltre riguarda il primo lotto e non prevede un intervento nella parte che va dalla rotatoria della Modica mare a quella per Scicli. L’amministrazione conta di investire le somme risultanti dal ribasso d’asta ma non è ancora in grado di stabilire tempi e quantità di investimento. Anche su questo fronte occorrerà intervenire con investimenti supplementari perché l’asse viario della Statale 115 non risulti monco e soprattutto rimanga un’incompiuta.