Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 998
MODICA - 01/04/2011
Attualità - Modica: nota di Vito D’Antona su personale ex Musltiservizi e cimitero

A Modica Sel dice no ai progetti di finanza

Per il consigliere la privatizzazione dei due servizi non funziona

Sel dice no ai progetti di finanza per il cimitero e per la gestione delle strisce blu. Vito D’Antona sollecita l’amministrazione a ripensare le scelte della privatizzazione prima che sia troppo tardi. La questione legata all’inquadramento del personale addetto alle aree destinate alla sosta a pagamento è stata discussa nel corso dell’incontro tenuto dalle forze della maggioranza ed è stato confermato che il personale, dodici unità, passerà alla società privata che gestirà anche il parcheggio di viale Medaglie d’oro.

Vito D’Antona non è d’accordo e dice: «Il sindaco prenda in considerazione la possibilità di ritenere istituzionale il servizio, con conseguente trasferimento alla società interamente partecipata dal Comune, abbandonando, pertanto un percorso nebuloso e poco chiaro sul servizio e sui suoi addetti ed eliminando il contenzioso in atto». Il progetto di finanza riguarda anche il cimitero D’Antona ha espresso forti perplessità.

Spiega l’esponente di Sel in consiglio comunale: «Si affiderebbe ad un privato un appalto per ventisei anni ad un costo quasi doppio di quanto stimato e posto a base dell’avviso pubblico, o, ancora, dei problemi di legittimità nella procedura, come manifestato incidentalmente dal Tar in occasione del contenzioso tra imprese partecipanti, o di perplessità legate ad alcune condizioni dell’appalto. Il sindaco deve fare riflettere, inoltre, sul fatto che nessun comune della provincia ha mai fatto ricorso alla privatizzazione del cimitero, e, quando è stato fatto, come nel caso del Comune di Vittoria, si è tornati indietro riponendo il servizio in mano pubblica».