Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1240
MODICA - 29/03/2011
Attualità - Modica: il movimento Una nuova prospettiva denuncia presunti abusi di potere

Manifesto "pazzo": vigili urbani criticati da Cerruto

Il vice sindaco Enzo Scarso, con delega alla polizia municipale, monta su tutte le furie

Mpa ed Una Nuova Prospettiva sono ai ferri corti. Enzo Scarso, vicesindaco ed esponente Mpa in giunta sbotta: «Il caso sarà oggetto di discussione ed approfondimento in sede di cabina di regia politica. Non posso lasciar passare la questione sotto silenzio». E’ stato il dibattito in aula sull’interrogazione presentata da Nino Cerruto(Una Nuova Propsettiva») sul manifesto apparso qualche settimana fa sui muri della città dal titolo «E le stellette stanno a guardare» ad innescare la polemica tra i due esponenti della maggioranza.

Il movimento ha criticato la gestione del Comando dei Vigili Urbani, di cui è responsabile politico proprio il vicesindaco, lamentando un utilizzo dei vigili non adeguato alle esigenze della città. Scarso ha chiesto al sindaco un chiarimento ed una presa di distanza ed il dibattito in consiglio, con le parole di Antonello Buscema, ha lasciato intendere che tutto fosse ritornato nel giusto alveo con il silenzio eloquente di Enzo Scarso. Nino Cerruto tuttavia è ritornato sulla vicenda dei manifesti con un comunicato titolato «Una storia di ritorsioni ed abusi di potere».

Le parole hanno fatto sobbalzare ancora una volta Enzo Scarso che annuncia da parte sua una possibile querela. «Cosa intende dire Nino Cerruto –chiede il vicesindaco- Dica in modo chiaro a cosa e a chi si riferisce». Una Nuova Prospettiva ha infatti lasciato intendere che i Vigili Urbani hanno esercitato una forte pressione sugli esponenti del Movimento per non avere pagato le tasse di concessione per la pubblicazione nonostante questi avessero spiegato che Una Nuova Prospettiva non avesse richiesto l’affissione della seconda tranche dei manifesti in questione e soltanto questo equivoco avesse provocato l’azione dei vigili che, nella visione del Movimento, potrebbero essere stati sollecitati ad intervenire da parte dell’assessore Enzo Scarso che dice: «Nessun abuso, nessuna ritorsione; Mpa non è abituata a questi metodi e non vogliamo avere niente a che fare con gli integralisti. Siamo classe dirigente e sappiamo bene quali siano i limiti delle nostre competenze. Chiederemo spiegazioni in sede politica ed allo stesso sindaco solleciteremo una presa di posizione forte perché non è possibile screditare l’azione amministrativa ed un intero corpo dei Vigili».