Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 775
MODICA - 17/03/2011
Attualità - Modica: il viadotto fu spazzato via dalle piogge torrenziali del 2002

Quando sarà ricostruito il piccolo ponte di Baravitalla?

Che fine hanno fatto i 427 mila euro che la Regione aveva stanziato circa un anno fa?
Foto CorrierediRagusa.it

E’ trascorso quasi un decennio da quando le piogge torrenziali del 2002 si portarono via il piccolo ponte di Baravitalla (foto), nel cuore di Cava D’Ispica. A testimoniare la violenza della natura resta la profonda voragine che ha sventrato il viadotto, tagliando in due la popolosa zona rurale, una delle più caratteristiche dell’agro modicano.

Da quel fatidico anno tutto è rimasto tale, e la natura si è pian piano riappropriata di quella strada. Laddove passavano le auto, adesso ci sono rovi e sterpaglie che invadono l’asfalto crepato dal tempo, a ridosso del baratro dove il piccolo viadotto che sovrasta i campi s’interrompe. Ma proseguendo a piedi, una volta oltrepassato il ponte di Baravitalla, si scopre che anche l’immancabile inciviltà dell’uomo ha completato il desolante quadro, con una discarica a cielo aperto formata da materiale di risulta, rottami di sanitari, carcasse d’elettrodomestici e sacchi della spazzatura.

Una cicatrice nell’incantevole paesaggio rurale, a ridosso del sito archeologico di Cava d’Ispica, dove circa un quindicennio fa fu realizzato un parcheggio con annessi bagni pubblici e un belvedere. Furono spessi quasi 500 milioni delle vecchie lire, ma adesso c’è solo desolazione. Anche in questo caso la struttura ricettiva per i turisti non è mai entrata in funzione e ancora oggi, dagli autobus che sostano nell’ampio piazzale, scendono forestieri che restano basiti dinanzi a cotanto abbandono.

Raggiungere i servizi pubblici, peraltro demoliti dai vandali, e quindi inutilizzabili, è praticamente impossibile, a causa della sterpaglia che ha fagocitato buona parte del belvedere e del percorso archeologico che conduce alle antiche grotte rupestri. Ma che fine hanno fatto i 427 mila euro che la Regione aveva stanziato circa un anno fa per ricostruire il ponte di Baravitalla? L’assessore comunale Giovanni Giurdanella, che ha ricevuto la delega alla protezione civile solo da poche settimane, ha annunciato che fornirà a breve una risposta sul futuro del piccolo viadotto e sui fondi stanziati dall’assessorato regionale al territorio ed ambiente per la ricostruzione.