Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 312
MODICA - 11/03/2011
Attualità - Modica: l’associazione Polo Commerciale decide in autonomia

A Modica negozi aperti nei festivi da Marzo a Luglio

Per il presidente Girolamo Carpentieri è una scelta condivisa da tutti
Foto CorrierediRagusa.it

Il Polo Commerciale va da solo. Non attende conferme ed accordi e decide in proprio il calendario delle aperture festive. Dice il presidente Girolamo Carpentieri (nella foto): «Abbiamo preso atto dell’impossibilità di concordare strategie omogenee sul territorio ed abbiamo scelto deliberatamente di differenziarci da quei contesti in cui le aperture in deroga vengono stabilite arbitrariamente, disordinatamente, e senza rispondere ad una effettiva logica commerciale».

La linea dunque è tracciata e le aperture festive entreranno in vigore dalla prossima domenica e fino al mese di luglio. Non ci saranno tentennamenti di sorta e tutti gli aderenti al consorzio polo Commerciale si sono ritrovati su questa linea anche perché così è stato concordato con l’amministrazione comunale.

Ribadisce Girolamo Carpentieri: «Abbiamo tutti insieme maturato questa scelta concordando sul fatto che la strategia più ragionevole sotto il profilo commerciale e più appropriata a rispondere alle abitudini e alle esigenze dei nostri clienti, sia quella di far iniziare il periodo delle aperture domenicali proprio in coincidenza con l’inizio della primavera».

Carpentieri non è voluto entrare nel merito delle polemiche con l’Ascom di Ragusa e con le scelte operate dall’amministrazione comunale del capoluogo. Le divergenze della scorsa stagione commerciale sono state alla base della decisione presa dal Polo Commerciale che ha avuto anche il lascia passare dalla amministrazione comunale.

I sindacati di categoria da parte loro hanno posto alcune pregiudiziali perché l’accordo diventi operativo. Non sono state infatti previste aperture per Pasqua e Lunedì dell’Angelo, per il primo maggio e per la festa della Repubblica. Il personale addetto alla vendita dovrà inoltre conoscere con debito anticipo tutti i riposi di cui potrà usufruire per recuperare il lavoro festivo.