Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 746
MODICA - 22/09/2007
Attualità - Modica - Il consigliere Marisa Giunta: "Un primo passo verso una migliore vivibilità"

Isola pedonale in corso Umberto: definitiva chiusura
al traffico?

Domani la riapertura di via Nazionale Foto Corrierediragusa.it

Questo fine settimana ha debuttato l’isola pedonale che va da piazza Monumento alla chiesa di S. Pietro. Si tratta di una inversione rispetto al passato visto che la chiusura ha da sempre riguardato il tratto che va da piazza Rizzone a piazza Municipio.

La novità è stata salutata con favore da residenti e giovani soprattutto perché lungo questa porzione di corso Umberto insistono bar, ristoranti e ritrovi che attraggono una clientela eminentemente giovanile. La chiusura ha sollevato polemiche tra i commercianti della parte bassa di corso Umberto che si sentono in qualche modo penalizzati.

Marisa Giunta (nella foto), consigliere Udc, vede in questa iniziativa dell’amministrazione un primo passo verso la chiusura totale di corso Umberto «Spero - dice il capogruppo Udc - che questo sia solo il primo passo verso una riduzione progressiva del traffico veicolare a Modica Centro nonché di una complessiva politica volta a migliorare la vivibilità della città fatta di impegno e sacrifici di cittadini ed amministratori. L´istituzione della prima vera isola pedonale a Modica, nel tratto alto di Corso Umberto, è una iniziativa opportuna e necessaria che la nostra città meritava da tempo.

Sono consapevole e cosciente - prosegue la Giunta - dell´esistenza di molti pareri contrari al riguardo ma fa parte delle dotazioni minime ed indispensabili ad una città che si propone come turistica nonché al miglioramento delle condizioni di vivibilità del centro storico. Purtroppo - conclude - essere realmente ospitali verso i turisti e vivere nel centro storico, immersi nel patrimonio artistico che la storia ci ha consegnato per custodirlo, impone alcune rinunce alle comodità cui tutti siamo abituati".

Domani intanto l’apertura della via Nazionale.