Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 604
MODICA - 03/01/2008
Attualità - Modica - Impedisce con il suo camper il regolare transito dei mezzi

I commercianti di via Conceria
contro l´ambulante anti regole

Missiva inviata al sindaco e all’assessore alla viabilità Foto Corrierediragusa.it

Commercianti contro ambulante poco rispettoso delle regole. Con il 2008 non si attenua la «guerra fredda» in atto tra quanti sono titolari di un’attività lungo via Conceria (nella foto), arteria parallela al viale Medaglie D’Oro, e il proprietario di un camper adibito alla vendita di bibite e panini. Da mesi gli interessati chiedono che le regole del codice della strada valgano per tutti.

E invece il camper continua ad infrangerne impunemente più di una, come sottolineato dal professionista Salvatore Rizza che, facendosi portavoce dei suoi colleghi, ha scritto una missiva indirizzata al sindaco Piero Torchi, all’assessore alla viabilità Giorgio Aprile e al dirigente della polizia municipale Miriam Dell’Ali.

«Ogni sera ? scrive Rizza ? dalle 19.30 circa, l’ultima traversa di collegamento tra il viale Medaglie D’Oro e la via Conceria viene occupata da un camper adibito alla somministrazione di cibi e bevande. Tutto questo nonostante sia l’unica percorribile per accedere al corso Umberto I, stante l’obbligo di direzione a destra posto all’uscita dell’arteria.

Come se lo stesso mezzo non bastasse ad ingombrare la carreggiata, il proprietario piazza anche una sponda laterale che funge da tettoia, coperta da un telone, oltre ad alcuni tavoli e sedie in plastica e a un ombrellone simile a quelli utilizzati per le fiere di paese. In questo modo ? prosegue il professionista ? viene di fatto vietato dal venditore ambulante il transito veicolare tra via Conceria e viale Medaglie D’Oro, con l’impossibilità di accedere al corso, se non compiendo un giro più largo.

A noi commercianti appare poco probabile che il comune, unico ente preposto al rilascio dell’autorizzazione per l’occupazione di suolo pubblico, possa aver originato questa situazione, in dispregio delle basilari regole del codice della strada. Ma se così fosse ? conclude Rizza ? sarebbe quantomeno auspicabile l’eliminazione del segnale di direzione obbligatoria posto alla fine di via Conceria, in modo da permettere il regolare transito dei veicoli. Anche se preferiremmo di gran lunga che le regole valessero per tutti».