Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 374
MODICA - 04/03/2011
Attualità - Modica: la Cassa Depositi e Prestiti autorizza l’utilizzo di fondi residui dei mutui

Per la ripavimentazione delle strade altri 672 mila euro

Interessate arterie urbane e di periferia di grande comunicazione

L’amministrazione trova 672 mila euro per ripavimentare le strade comunali. E’ stato grazie all’utilizzo delle somme derivanti dai residui attivi dei mutui contratti in questi anni che il progetto di sistemazione delle strade potrà concretizzarsi. La Cassa Depositi e Prestiti ha approvato la richiesta avanzata dall’amministrazione dando il via libera grazie alle più sane condizioni delle casse comunali.

L’amministrazione ha già programmato un piano di interventi che prevede 194 mila euro per la ripavimentazione della via Modica Giarratana che collega la città con le contrade Mauto, Barco e S. Giacomo; 118 mila euro saranno investiti per la via Musebbi Calicantoni; 177mila euro per la via Nazionale, Scevola e De Gasperi al quartiere S. Cuore; 101 mila euro andranno utilizzati per la via Michelica Crocevie. Si tratta di arterie trafficate, che conducono in zone residenziali o al servizio di aziende agricole ed insediamenti industriali.

L’amministrazione ha intenzione di accelerare i tempi al massimo per bandire le gare e completare così il lavoro avviato con la ripavimentazione di via Risorgimento e via S. Cuore. Proprio in questi giorni inoltre è stato aperto un cantiere per piccole manutenzioni stradali che sta interessando diverse parti della città.

Dice l’assessore alle manutenzioni Peppe Sammito: «La ripavimentazione delle strade è un segnale importante del graduale ritorno alla normalità del nostro ente: dimostriamo così di gestire in modo ottimale la politica del Bilancio e, insieme, la politica delle Opere Pubbliche». «