Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1246
MODICA - 04/03/2011
Attualità - Modica: mancano i fondi ma si cerca una soluzione

Sospeso servizio assistenza a disabili: 20 licenziamenti

Lunedì un vertice risolutivo
Foto CorrierediRagusa.it

Sospeso dall’amministrazione comunale per carenza di fondi il servizio di assistenza domiciliare ai soggetti diversamente abili, una quarantina di persone tra bambini e adulti. Le mamme e i familiari hanno protestato ieri in maniera veemente a palazzo San Domenico. La signora Mugnieco, mamma di un diversamente abile, giudica «assurda la scelta della giunta d’aver cancellato con un colpo di spugna il servizio».

I 20 dipendenti della cooperativa «Il gruppo» che si occupavano dei diversamente abili sono stati licenziati. Su questo fronte si è attivato il segretario cittadino della camera del lavoro della Cgil Nicola Colombo (nella foto), secondo cui «il comune deve muoversi in ogni direzione possibile per salvare il salvabile». Le associazioni Piccoli Fratelli, Csr, Anffas e Noi siamo hanno proposto all’amministrazione di rilevare il servizio, prendendosi in carico i lavoratori licenziati, in attesa che venga espletata la gara d’appalto per la gestione del servizio tramite la legge regionale 328, che solleva il comune dagli oneri.

L’assessore ai servizi sociali Paolo Garofalo si è detto disponibile a concedere nel frattempo un contributo di 25 mila euro, una tantum, per tre mesi. «E’ un ulteriore sacrificio che questo ente compie – dice Garofalo – in quanto già da tre anni sborsavamo circa 16 mila euro al mese per garantire il sevizio, troppo per le vuote casse comunali. In precedenza – aggiunge l’assessore – il servizio era erogato dalla regione. Adesso, con la possibilità offerta dalla legge 328 – conclude Garofalo – saranno di nuovo fondi regionali a finanziare il servizio, che, altrimenti, saremmo stati costretti comunque s sopprimere». Un vertice risolutivo è stato programmato per lunedì, sempre a palazzo San Domenico, per mettere nero su bianco la bozza d’accordo individuata ieri mattina.