Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 1194
MODICA - 03/01/2008
Attualità - Modica - Lo schema approvato dalla giunta al vaglio dei consiglieri

Scarso plaude al bilancio 2008:
"Entro tre anni sarà operativo"

"Niente esagerazioni, ma è giusto che i modicani paghino un minimo di servizi" Foto Corrierediragusa.it

«Il nuovo bilancio varato con coraggio da questa amministrazione sarà operativo entro tre anni al massimo». Il capogruppo consiliare di Mpa a palazzo San Domenico Carmelo Scarso (nella foto) nutre fiducia sullo schema di bilancio approvato dalla giunta e proprio ieri trasmesso all’ufficio di presidenza del consiglio, a disposizione di tutti i consiglieri.

«Visioneremo con attenzione la bozza dello strumento finanziario ? aggiunge Scarso ? e apporteremo le modifiche necessarie, se sarà il caso. Ritengo comunque che questo bilancio abbia per la prima volta registrato un cambio di rotta strutturale, laddove se ne sentiva il bisogno da almeno un decennio». Secondo il capogruppo consiliare era questo il passo da compiere per uscire dal pantano di una situazione economica asfittica.

«Rispetto a un quarto di secolo fa ? aggiunge Scarso ? le cose sono cambiate, e anche di parecchio. Niente più lauti contributi statali o regionali, ma solo quelli strettamente necessari ed erogati secondo tempi che mal si adeguano alle esigenze di enti sempre più alle prese con problemi di liquidità di cassa». Il capogruppo ritiene quindi che l’introduzione dell’addizionale Irpef fosse oramai improcrastinabile.

«Ciò non significa tartassare i contribuenti ? aggiunge Scarso ? perché vigileremo affinché non accada in nessun caso. Ma è giusto che i modicani paghino un minimo di servizi, soprattutto in linea con i rispettivi redditi. E proprio in base a questo criterio è stato plasmato lo schema di bilancio: si pagherà poco, e quel poco sarà ripartito solo tra i contribuenti compresi nelle fasce di reddito medio alte.

Gli altri ? conclude Scarso ? non sborseranno nulla, nei limiti del possibile». Entro la fine del mese la bozza sarà discussa per rendere il prima possibile operativo un bilancio che, nelle previsioni del capogruppo consiliare di Mpa, comincerà a far vedere risultati concreti entro il 2012.