Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1187
MODICA - 21/02/2011
Attualità - Modica: la "contesa" tra il magistrale e "Archimede" e la provincia non decide

Carenza di aule al "Verga", il geometra non andrà all´Itc "Archimede"

Stando ai progetti della provincia, dovrebbe essere l’Itc a cedere le aule che servono al magistrale. Da qui la proposta del dirigente scolastico dell’Itc d’accorpare il geometra, che ha suscitato il malumore del suo omologo del «Verga»
Foto CorrierediRagusa.it

C’è la carenza di aule del «Verga» alla base della richiesta dell’Itc «Archimede» d’inglobare il geometra, scorporandolo proprio dal «Verga». Stando ai progetti della provincia, dovrebbe essere l’Itc a cedere le aule che servono al magistrale. Da qui la proposta del dirigente scolastico dell’Itc d’accorpare il geometra, che ha suscitato il malumore del suo omologo del «Verga».

Dovrà quindi essere la Provincia regionale a risolvere il problema della carenza di aule dell’istituto «Verga», probabilmente reperendole dal vicino edificio dell’ Itc «Archimede», visto che è l’ente di viale del Fante l’unico che può disporre a piacimento dei locali scolastici, essendone il proprietario. Il dirigente scolastico dell’Itc «Archimede» Rosolino Balistrieri ha illustrato il suo pensiero all’assessore provinciale alla pubblica istruzione Riccardo Terranova. «Siamo disponibili – dice Balistrieri – a cedere parte dei nostri locali, ma a condizione che il geometra torni a questo istituto. In caso contrario – precisa il preside – stiamo bene così. Ma se la provincia intendesse prendersi i nostri locali con la forza per cederli al «Verga» – ammonisce Balistrieri – non lo accetteremmo, agendo di conseguenza».

Il geometra faceva parte dell’Itc fino alla metà degli anni 80, quando divenne autonomo, per essere poi accorpato al «Verga» nel nuovo millennio, dopo il dimensionamento degli istituti deciso dal governo. Ma sull’ipotesi di cessione del geometra si registra l’assoluta chiusura del «Verga», il cui dirigente scolastico Alberto Moltisanti spiega le ragioni. «Noi abbiamo bisogno di aule e deve essere la provincia a provvedere, essendo l’unico proprietario degli edifici scolastici. La proposta dell’Itc «Archimede» d’inglobare il geometra – conclude il dirigente scolastico – esula dalle nostre esigenze».

Il «Verga» annovera al momento mille 200 alunni divisi in oltre 50 classi allogate, oltre alla sede principale di piazzale Baden Powell, anche nei locali presi in locazione dalla provincia in via San Giuliano, e nella storica sede centrale di corso Umberto I. Spetta dunque alla provincia dirimere la questione, anche per risparmiare sui costi di locazione. Anche per i docenti del «Verga» le cose devono restare come sono. «Ben vengano – è scritto in una nota – iniziative valide come il museo della scienza o altro, ma nessuno si sogni di toccare il geometra «Alberti», che resta dove sta».

Il dirigente scolastico del «Verga» Alberto Moltisanti striglia poi l’amministrazione, rea di non aver mai fatto seguire i fatti alle parole. Ma questa circostanza, per la giunta, non è di certo una novità. Moltisanti si riferisce alla mancata allogazione in locali dignitosi dell’istituto musicale. L’istituto, autentico vanto per Modica, è adesso ospitato nella sede del geometra. «Malgrado le penalizzazioni che continuiamo a patire – conclude la nota del collegio dei docenti, inviata tra gli altri al dirigente provinciale dell’ufficio scolastico – noi andiamo avanti per la nostra strada e con le nostre risorse, senza intaccare quelle degli altri istituti».

Nella foto da sx il dirigente scolastico dell´Itc "Archimede" Rosolino Balistrieri e il suo omologo dell´Istituto "Verga" Alberto Moltisanti