Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 475
MODICA - 02/01/2008
Attualità - Modica - Tre nascite nell’ospedale modicano dopo la mezzanotte

E´ Giuseppe il primo nato
del 2008 in Sicilia all´ospedale "Maggiore" di Modica

Solo un paio di feriti per i botti di capodanno a Vittoria Foto Corrierediragusa.it

Ha emesso il suo primo vagito cinque secondi dopo la mezzanotte di traghettamento dal 2007 al 2008. Si chiama Giuseppe Caruso e pesa tre chili e 120 grammi. La cicogna ha fatto la sua prima tappa del nuovo anno in Sicilia all’ospedale «Maggiore», dove nella sala parto dell’ostetricia è venuto alla luce questo splendido maschietto, il primo nato dell´Isola e, di conseguenza, anche della provincia iblea.

E’ stata l’ostetrica di turno Maddalena Barrera, assieme all’equipe medica, ad aiutare la giovane Margherita Minio a mettere al mondo Giuseppe (entrambi nella foto), dopo circa tre quarti d’ora di travaglio. Erano difatti le 23.15 quando la giovane neomamma è entrata in sala parto, e cinque secondi dopo l’inizio del 2008 il piccolo si è affacciato al mondo. La madre, radiosa, ha tenuto in braccio Giuseppe che, dormendo beato ininterrottamente da pochi minuti dopo il parto , non si è svegliato neanche per la foto! Lei, impiegata, è sposata con Carmelo, che lavora nel settore edile. Vivono a Modica Alta.

Per il reparto maternità è stata una nottata di intenso lavoro: oltre a Giuseppe sono difatti venuti alla luce altri due neonati, anche se la palma del primo nato del 2008 della provincia iblea spetta al bimbo di Carmelo e Margherita, ai quali vanno gli auguri della redazione di corrierediragusa.it.

Non si sono per fortuna registrati feriti da botti o petardi in pronto soccorso, dove sono giunte solo una mezza dozzina di persone rimaste coinvolte in un paio di incidenti stradali di lieve entità. Tutti se la sono cavata con prognosi di pochi giorni. La notte abbastanza fredda, con qualche spruzzata di pioggia, ha difatti scoraggiato i soliti sprovveduti dal mettere mano ai botti fuorilegge che troppo spesso provocano ferite gravi. In effetti piazza Matteotti, cuore pulsante di corso Umberto I, era popolata dopo la mezzanotte solo da uno sparuto gruppo di irriducibili.

La maggior parte dei modicani ha festeggiato in famiglia, una discreta parte ha salutato il 2008 nei ristoranti per il classico cenone, mentre giovani e giovanissimi si sono divisi tra le due megafeste organizzate una a Villa Gisana e l’altra a villa Principe di Belmonte ad Ispica.

Un paio di feriti si sono registrati invece a Vittoria. Il ricovero in pronto soccorso si è reso necessario per le bruciature al viso e alle mani causate dall´esplosione di petardi a distanza ravvicinata.