Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 784
MODICA - 18/02/2011
Attualità - Modica: dura presa di posizione della Associazione Commercianti

Ambulantato selvaggio, Ascom vuole rispetto delle regole

Inteerssati i mercatini rionali ma anche quanti vendono frutta e verdura per le strade

L’associazione commercianti non è soddisfatta. Il presidente Giuseppe Assenza ritorna sulla questione abusivismo e richiama sindaco, amministratori e comando di Polizia urbana alle loro responsabilità.

Dice il presidente Assenza « Chi non ha capacità per mettere ordine dell’abusivismo si faccia da parte perché in questi ultimi giorni abbiamo superato ogni limite». Il riferimento è all’organizzazione dei servizi e degli spazi al mercato rionale della Caitina.
Dice ancora il presidente dell’Ascom: «Per evitare la presenza di un numero eccessivo di abusivi tutt’attorno all’area del mercato, chi si occupa della gestione della struttura ha pensato, male, di concentrarli in una zona specifica del sito. Quindi, non solo è come se fossero stati legittimati, ma essendo stati collocati, soprattutto gli abusivi del settore alimentare, in una posizione che anticipa, rispetto a coloro che entrano all’interno del mercato, quanti invece ottengono regolarmente il posto, vanno a danneggiare, in maniera seria, chi è in regola. Quello che sta accadendo è veramente paradossale».

L’attenzione dell’associazione è rivolta anche all’ambulantato itinerante. A Modica Alta in particolare si registra sempre più spesso la presenza di moto api e camioncini utilizzati per la vendita di frutta e verdura agli incroci ed agli angoli delle strade. I mezzi restano a lungo e non per un massimo di due ore come prescrive la normativa in vigore ma soprattutto intralciano il traffico e rendono caotica la circolazione.

«Questo andazzo non è più sostenibile –insiste il presidente dell’Ascom- Nessuno, a cominciare dalla Polizia municipale, controlla».