Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1262
MODICA - 20/02/2011
Attualità - Modica: il gesto di cattivo gusto dell’ex concorrente de L’Isola dei famosi

Modica non è Arcore, Antonello non conosce il bunga-bunga e Alejandro...

Modica "tradita" e infangata dall’ex concorrente dell’Isola dei famosi
Foto CorrierediRagusa.it

Il barocco lo aveva affascinato, di Quasimodo ha cantato le lodi, dei vicoli ha assaporato le atmosfere, della campagna gli odori. Dopo l’incontro fortuito alla Fiera di Roma l’amore di Alessandro Cecchi Paone (nella foto) per Modica scoppiò a prima vista; il vicesindaco lo ha coccolato ed il sindaco gli ha aperto le porte come nella migliore tradizione dell’ospitalità siciliana. Per Alessandro fu un colpo di fulmine e cominciò a costruire il suo sogno per la città.

Trasmissioni, passaggi televisivi, interviste, progetti con personaggi del mondo dello spettacolo che di Modica avrebbero parlato e magnificato la storia e la cultura. Gli amori,si sa, vanno alimentati con ardore, disponibilità, dedizione e sacrificio e magari con qualche regalo importante, altrimenti rischiano di naufragare. Ed è quello che è successo, anche perché Alessandro innamorato proprio non era; una verità che tutti sapevano ma nessuno osava confessare. Man mano che ha bussato alla porta di Antonello Buscema per un assegno Cecchi Paone ha visto affievolire come d’incanto il suo amore fin a quando non ce l’ha fatta più.

Per una passeggiata al corso per Chocobarocco ha preteso almeno dieci mila euro ed altrettanti per quel passaggio sul suo canale tv. La risposta è stata picche, ed ecco la vendetta dell’innamorato che si sente messo da parte; spiattella tutto in piazza e cerca di parlare d’altro, di qualcosa che lui, uomo di comunicazione e spettacolo, sa che «fa notizia» al momento giusto. Poi se ne va e sbatte la porta. A questo punto, grazie per essertene andato, non per l’omofobia modicana che non c’entra niente, ma perché non abbiamo bisogno di amore a pagamento. Modica non sarà mica Arcore ed Antonello non conosce il bunga bunga. E come l’amante tradito il sindaco parla ancora di «rapporto non compromesso»; si vuole illudere, è stato trafitto dall’amore eterno, o non ha ancora capito niente? Che qualcuno glielo spieghi.

IL "CECCHI PAONE SHOW" IN DIRETTA DALLA BIT DI MILANO
Cacciato perché omosessuale. Lo ha detto Alessandro Cecchi Paone allo stand delle provincie siciliane presso la Bit. «Non è vero –replica il sindaco Antonello Buscema- E’ stata una scelta tecnica legata alla promozione di Chocobarocco 2010. Cecchi Paone non è stato mai allontanato e men che meno per i suoi orientamenti sessuali; la nostra collaborazione con il giornalista non è compromessa».

L’esternazione di Cecchi Paone è arrivata come un fulmine a ciel sereno nel pomeriggio di venerdì quando il giornalista ha preso il microfono ed ha detto la sua: «Devo denunciare un episodio che riguarda Modica. Ad ottobre dello scorso anno ero stato contattato per potere curare e migliorare l´immagine culturale della città. Questo progetto non è stato poi realizzato perché il vicepresidente del Consiglio provinciale di Ragusa ha fatto in modo che io fossi allontanato a causa dei miei orientamenti sessuali. Tutto questo non fa altro che danneggiare l´immagine di Modica e della Sicilia».

Cecchi Paone ha chiamato in ballo Sebastiano Failla che in una sua dichiarazione aveva preso posizione in ordine alla consulenza affidatagli dall’amministrazione comunale. Dice il coordinatore provinciale di Forza del Sud: «Cecchi Paone cerca di farsi pubblicità strumentalizzando una mia dichiarazione che andava nel verso opposto. L´amministrazione comunale di Modica gli aveva conferito un incarico per promuovere Chocobarocco a titolo gratuito. Forza del Sud ha invitato il giornalista ad evitare, durante le attività promozionali, di fare riferimento ai suoi gusti sessuali, che sono suoi privati e che nessuno contesta. Il progetto è saltato non per quello che dice Paone ma per un problema legato alla sua venalità».

Failla fa riferimento alla richiesta di 20 mila euro all’amministrazione per assicurare la presenza del giornalista per Chocobarocco che il sindaco ha declinato per le note difficoltà finanziarie dell’ente. «Cecchi Paone –dice ancora Failla- non nasconda la sua avidità dietro inesistenti omofobie. Faccia quello che crede ma non tiri in ballo un territorio notoriamente tollerante e solidale».

Il sindaco si dichiara allibito per le dichiarazione del suo (ex?) consulente e ribadisce «Failla non ha niente a che fare con l’amministrazione e non ha capitolo nella vicenda. Abbiamo fatto le nostre valutazioni per Chocobarocco. E comunque se anche avessimo dovuto cambiare opinione su di lui, ciò non sarebbe mai avvenuto per la sua omosessualità.