Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1134
MODICA - 14/02/2011
Attualità - Modica: sindaco ed assessore hanno chiesto a Santiapichi l’ok per bandire la gara di appalto

Modica vuole accelerare con la raccolta differenziata

Il presidente del collegio dei revisori darà una risposta

L’amministrazione comunale vuole accelerare la raccolta differenziata. Il progetto è stato messo a punto ed il sindaco Antonello Buscema è pronto ad indire la gara di affidamento dell’appalto ma deve avere il via libera da parte dell’Ato Ragusa.

La società d’ambito infatti è l’ente che ha il compito di indire le gare ed affidare gli appalti ma vista la situazione in cui versa in provincia a causa del commissariamento il sindaco non intende attendere oltre. E’ questo il motivo per cui insieme all’assessore Giovanni Spadaro ha avuto un incontro con il presidente del collegio dei liquidatori dell’Ato ambiente, Severino Santiapichi.

I due amministratori hanno spiegato di volere indire la gara ed affidare ad una ditta specializzata per abbattere drasticamente e progressivamente, nell’arco di un triennio, la percentuale di rifiuti solidi urbani da conferire in discarica, contribuendo in modo sostanziale ad abbattere i costi che oggi incidono sul servizio.

Il nuovo progetto di raccolta dei rifiuti con il sistema «porta a porta» è basato su due principi:il principio degli obiettivi, fissando cioè delle finalità come la percentuale minima della differenziata e lasciando alla progettualità delle ditte concorrenti la proposta circa le modalità esecutive del servizio. Il presidente Santiapichi si è riservato di approfondire la questione prettamente giuridica per capire se è possibile che l’amministrazione locale possa procedere in modo autonomo vista la situazione di impasse dell’Ato.