Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1378
MODICA - 04/02/2011
Attualità - Modica: la ricetta dell’assessore Amoroso contro l’evasione

Gli evasori si scovano a Modica con l´anagrafe tributaria

L’assessore "alle Entrate", come Amoroso ama definirsi, ha spiegato il progetto al convegno sui tributi locali che si è tenuto nell’aula consiliare di palazzo San Domenico

La ricetta di Santino Amoroso è semplice, forse datata, ma sicuramente poco praticata. L´assessore "alle Entrate", come Amoroso ama definirsi, l´ha spiegata così al convegno sui tributi locali che si è tenuto nell´aula consiliare di palazzo San Domenico, che ha visto la partecipazione di Sergio Trovato, tributarista ed opinionista de Il Sole-24 ore.

«Pagare tutti per pagare meno» – annuncia Amoroso, ma al di là dell´abusato messaggio che fa parte del patrimonio comunicativo di tutti gli amministratori locali, l´assessore al Bilancio ha il merito, almeno in questi primi mesi di sua presenza in Comune, di avere fatto seguire agli annunci anche i fatti. Piccole misure che dovranno essere consolidate e seguite nel tempo con una ristrutturazione degli uffici che si occupano delle entrate del Comune.

«L´ente – spiega Amoroso – vive di entrate. Se non si riscuotono i tributi, si va subito in deficit. Quindi bisogna organizzarsi per riscuotere al meglio, in modo diffuso e nel più breve tempo possibile canoni acqua, rifiuti, pubblicità, affissioni. L´ufficio tributi di un ente è uno strumento strategico, soprattutto in questo particolare momento in cui il federalismo fiscale dei municipi è alla ribalta del dibattito politico nazionale».

Amoroso ha cominciato con la riorganizzazione degli uffici, concentrando, anche dal punto di vista fisico, Ragioneria e gli altri che si occupano dei tributi, e conferma di aver dotato il Comune di un software sofisticato che incrocia dati, numeri e tributi, un´autentica "anagrafe tributaria" comunale, che sarà difficile eludere. Tutti i dati in possesso dell´ente vengono immessi nel sistema e messi a confronto. Si parte da quelli anagrafici fino a quelli catastatali, all´iscrizione del nucleo familiare nei vari ruoli.

L´affidamento del servizio di riscossione dei ruoli acqua alla Serit, negli ultimi tre anni, ha portato già ad un sostanziale recupero di somme che erano rimaste nel dimenticatoio. Le cartelle non riscosse da parte dell´ente, per via di mancanza di operatori e di notifiche non effettuate, arrivano ora in modo capillare. Ci sono casi in cui accumuli di bollette, in particolare il canone idrico, dal 2000 a questa parte, hanno portato a notifiche anche di quattromila euro tra canoni dovuti ed interessi maturati.

Entrando ancora di più nel merito della sua gestione dell´assessorato al Bilancio, Amoroso chiarisce meglio le sue strategie: «Considero la lotta all´evasione e all´elusione dei tributi – sottolinea il titolare "alle Entrate" – centrale per gli interessi della collettività. Migliorare il flusso delle entrate consente al Comune di poter gestire meglio e senza il peso delle emergenze la cosa pubblica. Significa fornire in qualità e in quantità servizi alla città».

La ricetta Amoroso ha consentito negli ultimi sei mesi di assicurare flussi di liquidità quasi costanti nelle casse comunali, ma soprattutto di garantire la regolarità sulla quale l´ente può fare affidamento nella programmazione delle uscite. Un risultato che consente sicuramente di garantire e, quindi, di migliorare i servizi destinati ai cittadini.