Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1020
MODICA - 02/02/2011
Attualità - Modica: la piaga dell’ambulantato abusivo al centro della protesta

Ascom contro sindaco, assessore e comandante

L’associazione dei commercianti chiede rispetto delle regole e controlli

Sindaco, assessore e comandante dei vigili sul banco degli imputati. Il presidente dell’associazione commercianti non risparmia nessuno e punta l’indice sui due amministratori e sul responsabile dei servizi annona per l’incapacità di contrastare il fenomeno dell’abusivismo nell’ambulantato.

«Hanno assunto tanti e ripetuti impegni – denuncia il presidente dell’Ascom, Giuseppe Assenza- Non sono riusciti a cavare un ragno dal buco. Come associazione di categoria diciamo basta. Non ne possiamo più di questa assurda e fastidiosa situazione, di questa concorrenza sleale che determina danni non da poco nei confronti di chi, pur tra mille difficoltà, cerca di andare avanti rispettando le regole».

L’associazione commercianti si riferisce in particolare a quanto succede nei fine settimana a Marina di Modica. Gli ambulanti abusivi si concentrano infatti al lungomare e vendono di tutto; le bancarelle invadono ogni angolo con ogni genere di mercanzie, dall’abbigliamento alla bigiotteria, dagli articoli per la casa alle calzature. Il tutto avviene con una danno per i titolari di negozi e di quegli stessi ambulanti che sono in regola con le licenze e le autorizzazioni.

«L’amministrazione – denuncia ancora il presidente Assenza- non è riuscita a risolvere il problema ed anzi non ha mai affrontato di petto la situazione. Siamo pronti anche ad azioni eclatanti per far valere il principio secondo cui chi è abusivo deve essere sanzionato. Se il sindaco non è capace di farlo, allora lo dica chiaramente. Si percorreranno strade diverse».