Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1041
MODICA - 04/10/2007
Attualità - Modica - Il sindaco Torchi raccoglie le richieste dei cittadini

Polizia e Carabinieri: presto
i presidi in centro storico

Saranno reperiti in tempi brevi i locali idonei Foto Corrierediragusa.it

Amministrazione pronta a riportare polizia e carabinieri nel centro storico. Il sindaco Piero Torchi vuole dare risposte alla domanda di sicurezza in città ed ha assicurato al ministero della difesa e degli interni che si farà carico di trovare locali idonei per un presidio di polizia e carabinieri. Ha chiesto anche l’avvio del progetto del poliziotto e del carabinieri di quartiere visto che Modica era stata inserita a suo tempo nel novero delle città dove istituire il servizio.

Commercianti e residenti del centro storico hanno raggiunto già quota duecento nella firme per la petizione con la quale si chiede al sindaco di istituire un presidio delle forze di polizia. Gli operatori del centro storico, soprattutto quanti hanno recentemente avviato attività di ristorazione ed intrattenimento, hanno notato nel corso degli ultimi mesi una recrudescenza nella presenza di giovani male intenzionati, ubriachi, poco rispettosi delle regole del vivere civile.

« Si presentano alla chiusura ? racconta un barista di corso Umberto ? sono ubriachi fradici e chiedono ancora da bere; non se ne vanno se non diamo loro retta ed alla fine qualcuno non paga neanche la consumazione». Altri episodi di giovani che si chiudono nei bagni per consumare sostanze stupefacenti e che poi diventano molto aggressivi alle rimostranze dei titolari degli esercizi commerciali sono molto ricorrenti.

Se il centro storico soffre di questi comportamenti deviati è difficile anche la situazione a Modica Alta. Qui la società operaia di mutuo soccorso ha avviato anche essa una richiesta per la riapertura nel quartiere della caserma dei carabinieri. La sede fu soppressa alla fine degli anni ottanta alla luce del massiccio trasferimento dei residenti al S. Cuore; la questione della presenza dei carabinieri a Modica Alta si ripropone oggi alla luce di un nuovo interesse nel quartiere con alberghi e strutture ricettive di medio livello. « Capiamo molto bene le esigenze del centro storico ? dice Giorgio Macauda ? A Modica Alta la situazione non è diversa; giovani con motorini scorazzano nelle ore notturne ed i vecchietti sono quelli presi di mira. I tentativi di intrufolarsi nelle case dei pensionati o degli anziani non si contano più.»

Le richieste al sindaco per l’istituzione di presidi stabili in centro storico e Modica Alta si sono ripetute con insistenza tanto da sfociare in petizioni. Torchi ha quindi colto l’occasione per chiedere l’ampliamento della presenza sul territorio di carabinieri e polizia e di essere pronto a mettere a disposizione i locali. I presidi tra l’altro comporterebbero spazi limitati diversamente dalle sedi vere e proprie. Riportare stabilmente il comando dei carabinieri e il commissariato in centro sembra oggi molto arduo visto che mancano locali ampi e soprattutto dotati di un numero consistente di posti macchina interni per le auto di servizio. I presidi, come peraltro avviene nelle città turistiche, sarebbero di più facile realizzazione e soprattutto utili quale punto di riferimento per quanti frequentano per motivi diversi il centro città.