Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 645
MODICA - 09/01/2011
Attualità - Modica: ad Annamaria Abbate e Giovanni Avola vanno 1.500 euro ciascuno

Tesi su storia di Modica premiate dalla Fondazione Grimaldi

L’epistolario di Giovan Pietro Girmaldi e la storia del Liceo Tommaso Campailla gli argomenti delle due ricerche
Foto CorrierediRagusa.it

La Fondazione Giovan Pietro Grimaldi ha assegnato le borse di studio 2010.
I due premi, del valore di 500,00 euro ciascuno, sono stati consegnati alle migliori tesi di laurea sui luoghi e la storia di Modica e su Giovan Pietro Grimaldi nel corso di una cerimonia tenuta nella sede di palazzo Grimaldi.

I premiati sono Annamaria Abbate (nella foto con il presidente Orazio Sortino), laureata in Scienze del Governo e dell’Amministrazione, che ha presentato la tesi « L’epistolario di Michele Grimaldi. Ritratto di una famiglia della nobiltà siciliana(1778-1800)", e Giovanni Avola, laureato in Lettere moderne, che ha presentato la tesi su «Il Ginnasio-Liceo Tommaso Campailla di Modica (1862-1885)".

Il presidente della Fondazione Giovan Pietro Grimaldi, Orazio Sortino, ha illustrato il lavoro svolto nel 2010 dall’Istituzione e gli eventi in programma per il 2011 inerenti il 150esimo anniversario della nascita di G.P Grimaldi. Il presidente del Consorzio del Cioccolato di Modica Nino Scivoletto ha parlato della mostra allestita alla sala del Granaio su «Il cioccolato di Modica nelle carte dei Grimaldi. Le ragioni di una ricerca».

Nino Scivoletto ha anche annunciato che per la prossima edizione dei premi studio sarà messa a disposizione dal Consorzio una nuova borsa di studio per giovani che riusciranno a promuovere il cioccolato modicano attraverso la storia, la tradizione e la ricerca.

Benedetto Gugliotta, ha invece parlato della sua ricerca sulla eredità golosa così come emerge dalle carte di Giovan Pietro Grimaldi. Con una serie di diapositive si è avuta la testimonianza di acquisti per corrispondenza effettuati dal Grimaldi già dal 1905 di prodotti alimentari: cotechini e salumi dalla Bellantani di Modena, o ancora liquori, il più gettonato era il Martini che Grimaldi si faceva spedire in damigiane e dolci vari; tutto testimoniato dalle fatture ancora conservate e ordinate in modo preciso e curato.