Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 819
MODICA - 26/12/2010
Attualità - Modica: succede alla sede della Agenzia delle Entrate per mancanza di personale

Quando pagare le tasse diventa un incubo

File prolungate per le registrazioni di contratti e successioni
Foto CorrierediRagusa.it

Un incubo o quasi. Registrare contratti, successioni, richiedere tessere sanitarie o codici fiscali richiede tempo e nervi saldi alla sede della Agenzie delle Entrate al Polo Commerciale (nella foto). Il personale scarseggia, il pubblico aumenta e la burocrazia è sempre più complessa.

Presso l’ufficio le code sono lunghe e snervanti; non meno di novanta minuti con punte di tre ore per registrare un contratto di affitto o per una denuncia di successione soprattutto in questa ultima parte dell’anno. L’ufficio è preso d’assalto dai residenti di quattro comuni del comprensorio modicano che si riversano nella sede del S. Cuore dove nel giro di alcuni mesi ben sette unità di personale addetti ai servizi con il pubblico sono andati in pensione. Restano così non più di due sportelli e le code non finiscono più.

Anche perché registrare un contratto non è operazione semplice, richiede tempo e pazienza e spesso gli addetti, oberati da telefonate, chiarimenti e pressioni del pubblico che non ce la fa più e protesta, sono sempre sotto tensione. « Il personale manca -denuncia un addetto- Noi rinunziamo anche alle pause concesse dal contratto per staccare dai terminali. Ci rendiamo conto delle difficoltà del pubblico ma non possiamo farci niente».

Frequentatori abituali della Agenzia delle entrate, come tecnici e consulenti del lavoro, e cittadini alle prese con le registrazioni, devono dunque rassegnarsi e confrontarsi con una burocrazia che non fa nulla per snellire pratiche ed agevolare il lavoro di tutti. Un anacronismo che fa perdere tempo, serenità e pazienza a chi potrebbe dedicare il tempo perso in fila a tante altre e ben più produttive attività.