Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1206
MODICA - 20/12/2010
Attualità - Modica: a S. Giorgio la 60ma edizione della iniziativa promosso dall’organizzazione

Giornata del Ringraziamento della Coldiretti

Il vescovo di Noto, Mons. Antonio Staglianò, ha concelebrato la funzione religiosa
Foto CorrierediRagusa.it

E’ stata una giornata di festa per la Coldiretti di Ragusa. Nella chiesa di S. Giorgio gli agricoltori ed i titolari di aziende si sono incontrati per la 60ma edizione della Giornata del Ringraziamento. Prodotti in quantità benedetti dal vescovo e dai sacerdoti presenti con la benedizione finale di cinque trattori parcheggiati proprio alla base della scalinata della chiesa.

Numerosa la partecipazione a cominciare dal sindaco Antonello Buscema e dal presidente del consiglio, Carmelo Scarso; presenti anche gli assessori, provinciale, Nino Muriana e, comunale, Nino Frasca Caccia. Riccardo Minardo e Orazio Ragusa per i parlamentari e tutti gli alti gradi della Coldiretti provinciale insieme alle delegazioni delle varie zone, da Frigintini a Marina di Ragusa, da S. Giacomo a Vittoria. Il vescovo di Noto, Mons. Antonio Staglianò, che ha concelebrato la funzione religiosa, ha avuto parole ferme per i rappresentanti politici e per gli amministratori invitandoli tutti ad essere concreti ed a rispondere alle domande che vengono dal mondo del lavoro.

Il direttore provinciale della Coldiretti, Mattia Occhipinti, ha confermato l’impegno dell’organizzazione a favore della campagna e di quanti ogni giorno si sacrificano; la Coldiretti, ha ricordato il presidente Occhipinti, è impegnata nello sviluppo di una filiera tutta italiana dei prodotti che possa dare sicurezza e certezze ai consumatori. Un ragazzo ed una ragazza hanno letto infine la preghiera del coltivatore prima della conclusione della cerimonia.

(Nella foto: l´altare della chiesa di S. Giorgio)