Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1021
MODICA - 19/12/2010
Attualità - Modica: il presidente Girolamo Carpentieri traccia il bilancio del 2010

Polocommerciale più forte e pronto a lanciare la sfida

Le nuove strategie prevedono maggiore attenzione per il cliente e nuovi servizi Foto Corrierediragusa.it

Polocommerciale più forte e con maggiore qualità. L’associazione programma il 2011 e riflette sull’anno che sta per chiudere. Il presidente Girolamo Carpentieri (nella foto) annuncia novità. «Siamo di più avendo acquisito due nuovi soci ed altri sono in procinto di associarsi. Questo significa che la nostra realtà attira e si propone come uno dei poli commerciali più attivi della Sicilia».

Carpentieri annuncia anche la rimodulazione del progetto del Centro commerciale naturale rispetto alla ipotesi presentata alla Regione. Il progetto deve infatti essere più contenuto per essere accreditato ed entro la fine dell’anno i redattori del piano concluderanno il loro lavoro per sottoporre il progetto all’esame della commissione tecnica regionale.

Girolamo Carpentieri lancia poi il suo appello al presidente provinciale dell’Ascom Angelo Chessari che è intervenuto alla cerimonia di fine anno «Invitiamo l’Ascom a farsi soggetto promotore di un tavolo istituzionale che coinvolga i tre comuni di Ragusa, Modica e Vittoria, per far sì che nel 2011 non debba ripetersi il copione delle estenuanti trattative, delle spiacevoli fughe in avanti e delle infinite polemiche sulle aperture domenicali. E’ una questione sulla quale è necessario un accordo definitivo: delle aperture domenicali dobbiamo discuterne una volta l’anno, poi pensare alle altre cose davvero importanti.

Ci preoccupiamo di tutte queste cose – ha aggiunto Carpentieri- perché pensiamo che, da soggetto apolitico che fa gli interessi delle imprese, tra i nostri obiettivi principali ci debba essere quello di fare da pungolo costante alle istituzioni. Purtroppo a volte le amministrazioni locali non sono capaci di un’elaborazione vera delle strategie di sviluppo economico, ma noi dobbiamo insistere affinché l’agenda politica si occupi delle questioni vitali per il settore del commercio».

Per il 2011 il consorzio vuole anche realizzare due obiettivi: la promozione culturale della città cominciando con una mostra del grafico Pietro Ricca e poi il coinvolgimento di tutto il personale per condividere le strategie della associazione. «Vogliamo personale motivato, conscio ed orgoglioso del ruolo che svolge e su questo terreno vogliamo cominciare subito».