Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1342
MODICA - 17/12/2010
Attualità - Modica: l’associazione "Gli Amici di Giorgio" ha promosso una ricerca

Carcinoma tiroideo ed ambiente, c´è una relazione?

Sonia Liotta dell’Università di Catania ha presentato la relazione a palazzo S. Domenico

C’è una correlazione tra la qualità dell’ambiente e lo svilupparsi del carcinoma tiroideo. E’ quanto emerge dalle relazioni presentate al convegno promosso dall’associazione «Gli amici di Giorgio» che hanno promosso e finanziato una ricerca sull’argomento.

L’associazione è nata per ricordare la figura di Giorgio Cassarino, avvocato e sportivo prematuramente scomparso, e nel corso degli ultimi due anni si è distinta per il finanziamento di ricerche specifiche sull’insorgere dei tumori. E’ stato Franco Frasca a presentare nell’aula consiliare di palazzo S. Domenico il perché della scelta del carcinoma tiroideo, male che sempre più frequentemente incide nella nostra provincia.

Sono stati presenti medici, i soci dell’associazione ed una rappresentanza di alcuni istituti scolastici della città. Sono soprattutto i soggetti oltre i 60 anni ad esserne colpiti ed in particolare le donne sono i soggetti più esposti perché portatrici di presenze di estrogeni. Sonia Lotta, ricercatrice presso l’istituto di endocrinologia presso l’ospedale Garibaldi ha affrontato nello specifico il problema della diagnosi e delle cause dell’insorgenza di questo male. L’ambiente ed in particolare la presenza di metalli pesanti come bromo ed arsenico nelle falde acquifere è stata riscontrata allo stesso modo in cui questi metalli sono presenti nell’acqua e nelle urine.

La ricerca dovrà approfondire ulteriormente se esiste una relazione tra i due dati. Sonia Liotta ha rilevato come sia fondamentale il ruolo dei medici di base nella diagnosi precoce del carcinoma tiroideo che può essere affrontato e vinto grazie ad interventi mirati. Gli Amici di Giorgio hanno promosso anche una cena solidale per la raccolta di fondi a favore della ricerca; la seconda giornata del convegno si tiene domani a palazzo della Cultura con relazioni indirizzate agli operatori sanitari ed ai medici di base.