Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1095
MODICA - 20/12/2007
Attualità - Modica - Iniziativa popolare non rispecchia il pensiero di tutti

L´Udc "litiga" sull´addizionale
Irpef: sconfessato Lavima

Veneziano, segretario cittadino: "Si parla a titolo personale" Foto Corrierediragusa.it

« Lavima parla a titolo personale. E’ forse in cerca di visibilità». Gino Veneziano, segretario cittadino dell’Udc, non ha peli sulla lingua e bolla l’iniziativa del rappresentante di Iniziativa popolare che ha apertamente criticato il sindaco ed ha chiesto il chiarimento al partito per la manovra finanziaria voluta da Torchi.

« Il partito ? dice Veneziano ? era a conoscenza del progetto di risanamento ed ha tenuto parecchie riunioni sull’argomento. Era presente Iniziativa Popolare ed anche Giuseppe Lavima che ora chiama in causa il sindaco. Sia ben chiaro che l’Udc condivide la manovra finanziaria , l’ha discussa, l’ha approfondita ed ha dato il via libera al sindaco.

La posizione assunta da Lavima è molto personale. Smentisco pertanto che Lavima o il gruppo cui lui fa riferimento non conoscesse i dati della manovra. Abbiamo anche discusso della percentuale dell’aliquota Ici che qualcuno voleva allo 0,8 e che poi abbiamo suggerito di fissare allo 0,6. A Lavima voglio anche dire che Iniziativa Popolare non è tutta con lui. Per esempio il presidente del partito Domenico Pisana non sa nulla della iniziativa presa da Lavima.»

Gino Veneziano intende convocare una assemblea degli iscritti per discutere della questione e per fare chiarezza con lo stesso Lavima ma anche con tutti gli altri componenti il direttivo per non correre il rischio di lasciare Piero Torchi esposti ai venti della contestazione, anche interna, in un momento delicato e certamente impopolare per l’introduzione di nuove tasse.