Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 996
MODICA - 15/12/2010
Attualità - Modica: approvati i progetti di "Francavilla" e "Melagrana"

Il centro commerciale naturale dovrà attendere ancora

Il presidente Girolamo Carpentieri prende atto, suo malgrado, di dover rimettere mano al progetto

Francavilla e Melagrana sono promossi, Polo Commerciale è rimandato a gennaio. La vicenda legata alla approvazione dei centri commerciali naturali, CCN, è approdata sul tavolo dell’assessorato regionale alle Attività produttive dove il sindaco Antonello Buscema ha chiesto ed ottenuto l’esame della pratica.

Con Antonello Buscema anche il direttore del Consorzio Polo Commerciale Marisa Giunta che ha spiegato le ragione del consorzio che riunisce gli esercizi commerciale. Proprio la bocciatura del Centro commerciale naturale qualche settimana fa ha accesso gli animi ed ha fatto scattare processi nei confronti soprattutto dell’amministrazione. Il progetto del Polo Commerciale è stato infatti bocciato perché troppo vasto, con aree diseguali ed estese «Le ditte aderenti - si legge inoltre nella motivazione- non risultano tra loro vicine e ricadenti in un ambito urbano definito e la nozione di C.C.N. non può estendersi al punto di ricomprendervi ambiti territoriali particolarmente vasti (2.600 metri) e affatto contigui».

E’ stato il sindaco ad affrontare la questione al tavolo tecnico dell’assessorato; l’amministrazione e lo stesso direttore dell’associazione Polo Commerciale hanno preferito non percorrere la strada del ricorso al Tar per vedere riconosciute le proprie ragioni ed hanno scelto una via suggerita dagli stessi tecnici dell’assessorato. Per accelerare i tempi ed arrivare alla approvazione è stato stabilito dunque che il Polo Commerciale modificherà il suo progetto adeguandosi ai requisiti tecnici richiesti cominciare dall’estensione del centro commerciale naturale.

Entro il prossimo mese l’amministrazione si è impegnata a trasmettere all’assessorato la nuova proposta per arrivare alla approvazione del progetto e quindi all’accesso degli incentivi previsti entro il prossimo anno. Nessun problema invece per gli altri due centri; uno, «Melagrana» riguarda Modica Centro e l’altro, Francavilla, Modica Alta. Gli aderenti ai due consorzi dovranno trasmettere gli statuti per ottenere l’accreditamento.

La costituzione ed il riconoscimento di centro commerciale naturale consente di accedere a fondi finalizzati alla ristrutturazione ed all’ammodernamento degli esercizi commerciali ed alla promozione delle attività.

Girolamo Carpentieri, presidente dell´associazione Polo Commerciale, che ha inoltrato il progetto, ha dovuto prendere atto della necessità della rimodulazione anche se si dice poco convinto dei criteri adottati dalla regione che impogono una superficie massima di 1500 metri lineari per presentare le proposte.