Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 888
MODICA - 03/12/2010
Attualità - Modica: i sindacati autonomi fanno un passo indietro ed accolgono l’invito del sindaco

Tregua per Chocobarocco, non ci saranno proteste

Sospeso lo sciopero di sabato con sit in davabti a palazzo S. Domenico

Chocobarocco convince tutti. Non ci saranno proteste e manifestazioni contro l’amministrazione comunale da parte dei sindacati autonomi e di alcune organizzazioni di categoria e le strade resteranno pulite.

L’appello lanciato dal sindaco è stato raccolto e la protesta è stata rinviata ad occasioni migliori. Enzo Scarso, assessore al turismo, in prima fila per Chocobarocco, ha ringraziato tutti a nome dell’amministrazione. Lo snodo della vertenza è scaturito dal’incontro avuto a palazzo S. Domenico tra il segretario provinciale dell’Isa, Giorgio Iabichella, ed il sindaco.

Grazie al riconoscimento del suo ruolo quale rappresentante dell’Isa ed alla visibilità avuta il segretario provinciale ha preso atto di quanto l’amministrazione aveva già assicurato nei giorni scorsi ed ha mollato la presa; lo hanno seguito, Cicas, Confconsumatori, Confimpresa. Uno stipendio dei comunali saranno pagati nei prossimi giorni così come una mensilità sarà pagata a personale delle cooperative della Modica rete Servizi, della Mutliservizi, agli operai della ditta Puccia.

L’amministrazione conta inoltre di pagare un secondo stipendio prima di Natale grazie alle anticipazioni della Serit che dovrebbero essere versate prima della chiusura della tesoreria comunale prevista per il 20. Anche per la questione refezione scolastica, sollevata dall’Isa, il sindaco ha confermato che entro la settimana prossima le cucine del centro cottura comunale saranno attivate consentendo così ai 14 lavoratori impegnati di prestare servizio in sede.

L’amministrazione può dunque tirare un sospiro di sollievo e la festa del cioccolato non sarà intralciata da fuori programma. Anche Sebastiano Failla, Fli, ha condiviso l’appello del sindaco alla responsabilità ed all’interesse supremo della città ed ha rinfoderato le armi della protesta.