Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 539
MODICA - 28/11/2010
Attualità - Modica: sviluppi giudiziari riguardo alla vendita di presunte calzature false

False Hogan? Alfano si tutela con un esposto in Procura

A seguito di non meglio precisate voci su una presunta indagine della Finanza nei confronti di Alfano per la vendita di capi prestigiosi falsi, il rappresentante legale si rivolge alla Procura: «Voci infondate e diffamatorie che stanno arrecando danno all’immagine e pregiudizi economici»

Sergio Alfano si tutela con un esposto a carico di ignoti in Procura contro le sempre più insistenti voci di vendita, nei suoi negozi, di presunte scarpe Hogan taroccate. Il rappresentante legale della società Alfano Sas dei fratelli Giuseppe e Sergio Alfano, titolari di 2 negozi di abbigliamento, calzature e pelletteria a Modica centro e al quartiere Sacro Cuore, si è rivolto alla Procura della Repubblica di Modica.

Da alcuni mesi circolano voci, non solo a Modica ma nell’intera provincia, circa un’indagine della Guardia di finanza nei due punti vendita di Alfano a scaturite a seguito di presunte denunce di clienti riguardo al rinvenimento di calzature Hogan false, che avrebbero fatto scattare provvedimenti sanzionatori o addirittura cautelari nei confronti dei titolari.

Il rappresentante legale smentisce categoricamente queste voci, ritenendole «assolutamente infondate e diffamatorie. Queste maldicenze recano danni all’immagine e pregiudizi economici sia alla società che ai singoli soci».

Con l’esposto presentato alla Procura della Repubblica nei confronti di «chiunque abbia commesso e continua a commettere il reato di calunnia e/o di diffamazione nei confronti della società e dei suoi amministratori, diffondendo notizie assolutamente false e infondate, creando un grave danno patrimoniale e d’immagine alla società medesima», Sergio Alfano chiede la punizione dei responsabili nei modi e termini di legge.