Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1095
MODICA - 28/11/2010
Attualità - Modica: l’impianto è stato ristrutturato ma non funziona a pieno ritmo

Bolletta non pagata, a Modica depuratore a mezzo servizio

L’amministratore unico della Modica Rete Servizi, Martino Modica, lancia l’allarme

Depuratore ammodernato ed efficiente ma manca l’energia elettrica. Il mancato pagamento di 2 mila 600 euro per il anone dovuto all’Enel per lo spostamento di una cabina blocca il funzionamento del rinnovato depuratore i contrada Fiumara.

«Penso che questa situazione non sia ammissibile – dice l’amministratore unico della Modica Rete Servizi, Martino Modica -C’è in gioco l´ambiente e la salute dei cittadini che mai come oggi hanno una qualità dell´acqua depurata a Modica a livelli così eccellenti.Il problema è capire a questo punto cosa occorre fare.
Il livello di efficienza raggiunto dagli impianti è testimoniato dal comportamento dei residenti della zona che hanno avuto parole di elogio nei confronti dei dipendenti nonché della stessa società, tutti impegnati in questa importante sfida».

L’amministratore ha garantito che in un paio di giorni l’impianto potrà andare a regime se verrà fornita l’erogazione dalla nuova cabina e peer questo motivo ha sollecitato sindaco ed assessore alle manutenzioni.

I lavori al depuratore della Fiumara hanno riguardato il miglioramento del sistema di pretrattamento una vasca di equalizzazione in ingresso di un sistema di pre-aerazione per evitare l´insorgere di fenomeni di setticità nel refluo da trattare; è stata migliorato il sistema di sistema di stabilizzazione aerobica dei fanghi e realizzato un modulo di affinamento del refluo allo scopo di abbattere i solidi sospesi residui e consentire la possibilità di riuso irriguo delle acque reflue depurate.

Il tutto naturalmente se e quando la cabina Enel entrerà in funzione.