Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 844
MODICA - 25/11/2010
Attualità - Modica: il comune di allinea ai dettami della Soprintendenza

Luce artistica bianca con il nuovo anno a Modica

Saranno eliminati i cosiddetti «lampioni doppioni», vale a dire quelli vecchi lasciati accanto ai pali nuovi, installati circa otto mesi fa, per una spesa di 800mila euro

Il nuovo anno porterà ai modicani la luce artistica bianca. La città si allinea quindi alla condotta seguita dagli altri centri barocchi del Val di Noto, secondo i dettami della Sovrintendenza. Corso Umberto primo e il resto del cuore storico sarà quindi illuminato da una luce neutra, che non altera il colore della pietra locale ed esalta le facciate di chiese e monumenti.

La luce bianca è stata già accesa in piazza Matteotti. Tra qualche settimana sarà quindi spenta del tutto l’illuminazione artistica arancione e saranno quindi eliminati anche i cosiddetti «lampioni doppioni», vale a dire quelli vecchi lasciati accanto ai pali nuovi, installati circa otto mesi fa, per una spesa di 800mila euro, e lasciati spenti. Ormai il lavoro di riconversione dell’illuminazione, da arancione a bianca, è in dirittura d’arrivo.

Il ritardo di otto mesi nell’accensione dell’illuminazione artistica bianca è stato dovuto alla diversità di vedute tra Soprintendenza e amministrazione, che, negli scorsi giorni, ha «capitolato». Era stato il precedente assessore al centro storico Elio Scifo ad optare per il mantenimento della luce arancione. Adesso, invece, l’attuale assessore Anna Maria Sammito si è uniformata alle direttive della Soprintendenza, dove, peraltro, lavora.