Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1132
MODICA - 25/11/2010
Attualità - Modica: le iscrizioni non sono mai state aperte

L´università fantasma di Modica chiuderà tra 4 mesi?

Gli studenti si presenano solo per sostenere gli esami, perchè le lezioni si tengono in videoconferenza da Catania

L’università fantasma. Sono deserti i locali dell’ex ospedale San Martino a Modica Alta, riadattati a sede universitaria, che fino ad un paio d’anni fa pullulavano di studenti. Adesso solo aule vuote e corridoi deserti, in un silenzio quasi irreale. L’università non abita più qui. E’ il risultato del debito di circa 7 milioni maturato dall’amministrazione con l’ateneo di Catania, che ha tagliato i fondi. La facoltà di economia politica ha chiuso i battenti già da un anno. I locali del primo piano sono stati smantellati, mentre la facoltà di scienze del governo e dell’amministrazione, allogata al secondo piano, continua a vivacchiare, almeno fino al 31 marzo. Poi non si sa. Le iscrizioni sono chiuse da tempo. Qualcuno aveva lasciato intendere che sarebbero state riaperte, e invece nulla.

L’unico annuncio attaccato sui muri è quello di un master per l’offerta integrata turistica del Val di Noto, al quale si può accedere pagando la bella somma di duemila 100 euro. Nessuno pare sia interessato. Di docenti ne restano solo quattro, visto che le lezioni sono un optional, preferibilmente in videoconferenza da Catania. Gli studenti, in larga parte fuori sede, si presentano solo per sostenere gli esami. Si è così frantumato un microcosmo che prosperava sull’università. Bar e ristoranti lavorano meno, le case restano sfitte e gli annunci di locazione si sprecano. La cittadella universitaria è ormai solo un bel ricordo.

Fino al 2006 era tutta un’altra storia. Di case libere manco a parlarne. Gli affitti oscillavano tra i 200 e i 350 euro al mese, spese a parte. Per un posto letto si arrivava a pagare fino a 130 euro. Adesso più nulla. Le case restano chiuse. Solo l’università è ancora aperta, ma in prevalenza per segretari e bidelli. E fra qualche mese, anche qui potrebbe calare il sipario. La gente è dispiaciuta, e, mestamente, commenta: «Ci stanno scippando anche dell’università, perché l’amministrazione non riesce ad onorare gli impegni».