Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 643
MODICA - 22/11/2010
Attualità - Modica: la 39ma edizione della Settimana Teologica alla Domus Petri

Massimo Toschi ed "I cristiani nella città"

La due giorni è stata molto partecipata ed ha visto anche la presenza del vescovo di Noto

Il vescovo di Noto ha aperto la 39ma edizione della Settimana Teologica alla Domus Petri sul tema «I cristiani nella città». «La teologia serve», ha detto con convinzione Mons. Antonio Staglianò ricordando che la sala è stata il primo luogo della sua conoscenza della diocesi quando era venuto nel 2000 come teologo.

Don Corrado Lorefice ha ripreso la lezione conciliare della Chiesa povera e dei poveri, chiarendo come l’eucaristia è fonte di rinnovamento anche politico per la forza che immette nella storia e come la «questione dei poveri»; Con i poveri impariamo a rifiutare gli idoli del benessere e ritroviamo il valore della relazione, ad iniziare dalla relazione con Dio.

Massimo Toschi, testimone di pace in Medio Oriente ed in Palestina, poliomielitico ed in carrozzella, ha parlato nella seconda serata della riconciliazione con l’esperienza di chi con la sola forza della fede è riuscito a far curare dai medici ebrei i bambini palestinesi, innestando un meccanismo virtuoso. Così il Vangelo viene proclamato nel suo modo più proprio: «dalla croce», in cui continua a soffrire l’innocente, offrendo un messaggio che è «per tutti», e in primo luogo per le vittime, ma anche per i carnefici chiamati a pentirsi e a ritrovare, nella richiesta di perdono, relazioni nuove. Massimo Toschi ha poi parlato di figure esemplari come Giuseppe Dossetti, Giorgio La Pira, Lorenzo Milani; testimoni del nostro tempo che hanno saputo dare con parole facili ma efficaci un messaggio di solidarietà per gli ultimi fuori da ogni intellettualismo.

Anche in questo caso, Massimo Toschi ha invitato anzitutto a cogliere il segreto della profezia, ciò che l’ha resa possibile e che la rende possibile e doverosa anche per noi: una robusta vita interiore, una preghiera autentica che permette all’impossibile di diventare possibile «Quando la grazia è data, è comunque data per intero e non va seppellita!» ha concluso Toschi dalla sua sedia a rotelle e con un vissuto che lo ha visto più di quaranta volte nel mezzo di guerre e di ingiustizie per favorire processi di riconciliazione.

La Settimana Teologica ha lasciato nella diocesi e nella città un messaggio forte che invita all’autenticità e ad una speranza operosa e coraggiosa, e che si spera anche contagiosa.