Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1239
MODICA - 19/11/2010
Attualità - Modica: dopo sette mesi di chiusura l’arteria le transenne sono state rimosse

Dopo il consolidamento riapre a Modica corso S. Giorgio

Critici sulle modalità scelte dall’amministrazione per l’inaugurazione Michele D’Urso, Pdl, e Sebastiano Failla, Fli

E’ stata una coppia di danesi in vacanza in Sicilia a percorrere per primi il rinnovato corso S. Giorgio. L’arteria di collegamento tra la parta bassa e quella alta della città è stata aperta al traffico ieri dopo una interruzione di sette mesi.

L’impresa ha completato i lavori di consolidamento delle arcate che sostengono la carreggiata ma deve ancora rifinire il manto stradale non appena il primo strato sarà assestato. L’opera è costata quasi 700mila euro ed ha comportato un intervento di carattere statico sulle arcate ma anche il rifacimento delle banchine, il sistema di convogliamento delle acque, l’illuminazione e la sistemazione dei 120 metri del tratto di strada. Per la viabilità cittadina l’apertura di corso S. Giorgio è un toccasana perché elimina il tortuoso giro dalla via Fontana con conseguenti intasamenti del traffico.

Il consolidamento di corso S. Giorgio ha vissuto una vicenda tormentata nell’arco di quattro anni. Un contenzioso con l’impresa appaltatrice per il passaggio dei cavi telefonici ha interrotto i lavori che sono ripresi solo nella scorsa primavera. Alla apertura della strada erano presenti il sindaco, tecnici, assessori, il parroco di S. Giorgio ed alcuni residenti.

Sulla vicenda è intervenuto il consigliere Pdl Michele D´Urso che critica la passerella fotografica di chi ha avuto delle responsabilità nel ritardo dell´apertura della strada.

Anche Sebastiano Failla, Fli, richiama l´amministrazione sui ritardi accumulati e parla di riapertura tardiva che ha danneggiato i residenti e tutta la città