Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1007
MODICA - 11/11/2010
Attualità - Modica: sarà consegnato il 19 novembre ad Assisi. Turismo ibleo apprezzato anche a Londra

Riconoscimento per il Ferro Hotel di Modica

"Si conferma ancora una volta – afferma il presidente provinciale di Confturismo-Federalberghi, Rosario Dibennardo – la capacità dei nostri imprenditori turistici di saper valorizzare nella maniera più innovativa le particolarità monumentali di cui il nostro territorio è ricco"
Foto CorrierediRagusa.it

Ancora un altro riconoscimento di prestigio per le strutture ricettive della provincia di Ragusa. Il Ferro Hotel di Modica riceverà il 19 novembre, ad Assisi, il prestigioso «Premio turismo responsabile italiano». Nel contesto dell’importantissimo palcoscenico del primo salone mondiale del turismo città e siti Unesco (che interesserà 890 siti in 148 paesi del mondo), Ferro Hotel si è aggiudicata la seconda edizione del suddetto riconoscimento istituito da «L’Agenzia di Viaggi», da 45 anni il più importante giornale professionale per il turismo in Italia, e dedicato ai pacchetti di turismo responsabile centrati sui siti Unesco in Italia e nel mondo per riconoscere strutture ricettive, operatori, regioni e paesi che organizzano viaggi e soggiorni nel rispetto dell’ambiente e della culturale locale in Italia e nel mondo. Il premio verrà assegnato al pacchetto ideato e già realizzato da Luca Guerrieri, direttore di Ferro Hotel.

«Si conferma ancora una volta – afferma il presidente provinciale di Confturismo-Federalberghi, Rosario Dibennardo (nella foto) – la capacità dei nostri imprenditori turistici di saper valorizzare nella maniera più innovativa le particolarità monumentali di cui il nostro territorio è ricco. Questo riconoscimento, di grande valore, si aggiunge ad altri già ottenuti in provincia di Ragusa e che la dicono lunga sulla volontà di questo territorio di sostenere nella maniera più adeguata le sfide turistiche per il futuro. Complimenti ai titolari di Ferro Hotel e alla direzione della struttura».

Sulla stessa lunghezza d’onda anche l’intervento del presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Angelo Chessari, che sottolinea «i grandi passi in avanti che, in questi ultimi anni, sono stati compiuti in campo turistico. Merito di imprenditori dinamici e volenterosi che hanno saputo rispondere in maniera puntuale alle difficoltà create da una crisi economica generalizzata». Anche il presidente della sezione Ascom di Modica, Giuseppe Assenza, plaude al traguardo raggiunto, «merito – dice – della creazione delle adeguate premesse per poter puntare ancora più in alto».

IL TURISMO IBLEO APPREZZATO ANCHE A LONDRA
«Il turismo ibleo è già conosciuto e apprezzato qui a Londra. Biglietto da visita migliore non poteva esserci se non quello legato alla prossima inaugurazione dell’aeroporto di Comiso. Tutti, qui, sono ansiosi di poter raggiungere la parte sud orientale della nostra isola nel giro di poche ore». Lo ha detto il presidente provinciale di Federalberghi, Rosario Dibennardo, a margine dell’incontro con la stampa tenutosi all’Istituto italiano di cultura, in uno dei quartieri più belli della capitale inglese, nel contesto del World travel market tuttora in fase di svolgimento.

«L’attenzione con cui il nostro incontro con la stampa è stato seguito – chiarisce Dibennardo – è il sintomo di un interesse, sempre maggiore, di cui, a dire il vero ci eravamo già accorti lo scorso anno, verso il fenomeno del Ragusashire e verso tutto ciò che ha a che vedere con le nostre bellezze paesaggistiche e monumentali. Diciamo che questa missione a Londra, con il supporto sinergico tra Camera di Commercio e Provincia regionale di Ragusa, è servita, ancora una volta, ad evidenziare il notevole potenziale, sul fronte turistico, di cui siamo in possesso. A patto, però, che lo si riesca a gestire e a sfruttare nel modo migliore, con le ricadute per lo sviluppo che tutti auspichiamo. Adesso, insomma, tocca a noi fare del nostro meglio».