Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 1092
MODICA - 09/11/2010
Attualità - Modica: polveri minerali dannose per la salute

Amianto ed eternit a cielo aperto nelle campagne di Modica

Ci sono almeno una mezza dozzina di discariche abusive che l’amministrazione farà rimuovere in questi giorni
Foto CorrierediRagusa.it

Aumenta in maniera preoccupante la presenza di discariche abusive di rifiuti pericolosi e speciali sul territorio modicano, ben sei in meno di un mese. L’alto costo per lo smaltimento, del tutto a carico del cittadino, induce un numero crescente di residenti a smaltire i rifiuti pericolosi in maniera illegale, scaricandoli per le campagne e mettendo a repentaglio la salute di chi potrebbe inalare inavvertitamente le polveri minerali altamente tossiche contenute nelle lastre di amianto ed eternit ammassati ai bordi delle strade, come nel caso della discarica abusiva di via Dente Crocicchia (nella foto di Carmelo Poidomani). Una fibra di amianto è fino a mille 300 volte più sottile di un capello.

Una lunga esposizione può provocare danni alle vie respiratorie e il carcinoma ai polmoni. Il comune si sta attrezzando per rimuovere queste discariche abusive, con costi non indifferenti per le già vuote casse. Amianto ed eternit, in quanto rifiuti speciali e pericolosi, vanno smaltiti da ditte specializzate ed autorizzate. A Modica è la ditta Giorgio Puccia che preleva il materiale a domicilio. Il costo può superare anche le 50 euro a metro quadro. L’assessore all’ecologia Giovanni Spadaro è consapevole di questo problema: «Non possiamo fare altro – dichiara l’amministratore – che rimuovere il prima possibile le discariche abusive, sperando altresì di cogliere sul fatto qualcuno di coloro che mette a rischio la salute pubblica, deturpando il territorio».