Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 446
MODICA - 05/11/2010
Attualità - Modica: il fenomeno schiumoso e maleodorante favorito dal moto ondoso e dalla mucillagine

Sversamenti in mare, 50 mila euro di sanzioni

I dati sono stati resi noti dal comandante della Capitaneria di porto di Pozzallo Ennio Garro
Foto CorrierediRagusa.it

Sanzioni pecuniarie per circa 50 mila euro sono state comminate nelle ultime settimane dalla Capitaneria di porto di Pozzallo a carico di una decina di proprietari di altrettante villette disseminate lungo la costa iblea, per il reato di inquinamento ambientale. Secondo quanto accertato dai militari, i residenti avrebbero scaricato illegalmente nel territorio circostante i liquami, a volte dispersi anche in mare dalla riva, durante la notte.

A ciascun proprietario degli immobili è stata comminata una multa pari a 4 mila euro, per conto della Provincia regionale, ente demandato al rilascio delle autorizzazioni all’allaccio alla conduttura fognaria, o per la realizzazione di fosse settiche a norma di legge. L’altro ente preposto alla concessione del nullaosta è il comune di appartenenza, nella fattispecie Modica. Quasi tutte le villette individuate, difatti, ricadono nella zona compresa tra Marina di Modica e Maganuco.

I dati, resi noti dal comandante della Capitaneria Ennio Garro, costituiscono il risultato dei controlli effettuati in estate dalla task force costituita da una mezza dozzina di militari. Gli appostamenti, portati avanti soprattutto la notte, hanno sortito gli effetti auspicati. Gli sversamenti illegali di liquami non avrebbero comunque influito sul fenomeno della schiuma bianca, ricomparso in questi giorni nel tratto di costa compreso tra Marina di Modica e Sampieri. Il formarsi della sostanza schiumosa sarebbe dovuta al fenomeno della mucillagine, ovvero delle alghe in putrefazione portate a riva dal mare mosso di questi giorni.

Lo stesso moto ondoso avrebbe favorito il formarsi della schiuma maleodorante. Nei prossimi giorni saranno resi noti gli esiti degli esami dell’Arpa sui campioni d’acqua, per sgomberare il campo da dubbi. «I nostri controlli proseguono in maniera costante – dichiara il comandante Garro – e si estendono fino agli impianti di depurazione dove i camion delle ditte specializzate scaricano i liquami prelevati dalle fosse settiche delle abitazioni private, che, per legge, devono essere svuotate con cadenza periodica».

Nella foto in alto e in quella sotto il fenomeno della schiuma sugli scogli tra Marina di Modica e Sampieri. FOTO DI FRANCESCA BUSCEMA, TUTTI I DIRITTI RISERVATI - RIPRODUZIONE VIETATA. Cliccate sulla foto sottostante per ingrandirla.