Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1052
MODICA - 28/10/2010
Attualità - Modica: niente assistenza domiciliare per un migliaio di utenti tra anziani e diversamente abili

Da lunedì i lavoratori delle cooperative sociali senza lavoro

Pare che il comune sia impossibilitato a stornare la somma di 550mila euro da un capitolo di bilancio per impinguare quello relativo ai servizi sociali

Mancano 550mila euro per garantire il pagamento degli stipendi per tutto il 2010 alle cooperative sociali. Da lunedì circa 300 dipendenti rischiano di restare a spasso, mentre un migliaio di utenti tra diversamente abili e anziani potrebbero ritrovarsi di punto in bianco senza assistenza domiciliare. Il problema è emerso in tutta la sua gravità in queste ore, quando il dirigente di settore ha fatto sapere di non volersi caricare della responsabilità di mandare a lavorare i dipendenti delle cooperative sociali per i mesi di novembre e dicembre senza copertura finanziaria e senza uno straccio di garanzia sul reperimento della somma necessaria a garantire i servizi.

Pare difatti che il comune sia impossibilitato a stornare i 550mila euro da un capitolo di bilancio per impinguare quello relativo ai servizi sociali. Tutto questo era stato evidenziato un paio di mesi fa dalla Cgil, con la mancata previsione, da parte dell’amministrazione, di 600mila euro per garantire i servizi di assistenza domiciliare alle categorie svantaggiate. Nonostante l’avvertimento del sindacato, si procedette ugualmente il 5 settembre scorso all’approvazione della variazione di bilancio. Adesso, a distanza di poco meno di due mesi, il problema paventato dal segretario della camera del lavoro Nicola Colombo si è concretizzato in tutta la sua drammaticità.

Proprio il sindacato ha organizzato per questo pomeriggio un incontro nella sede di via Nazionale per fare il punto della situazione e programmare iniziative. La situazione appare però decisamente complessa e, al momento, non si profila all’orizzonte nessuno spiraglio.