Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:03 - Lettori online 1422
MODICA - 15/12/2007
Attualità - Modica - Capitolo definitivamente chiuso dopo tre ore di dibattito

Il consiglio comunale "benedice" il piano del traffico:
non si torna più indietro

Marisa Giunta è stata investita da qualche stizzito commento Foto Corrierediragusa.it

Il caso è chiuso. Dalla prossima settimana si passa alla installazione della segnaletica fissa. Il consiglio comunale dedicato al piano di viabilità del S. Cuore è servito ad ascoltare le ragioni di un manipolo di commercianti che hanno presentato un documento con il quale è stato reiterata la richiesta di tornare indietro e cancellare il piano viabilità del S. Cuore.

Le tre ore di seduta hanno visto interventi di tutti i settori del consiglio caratterizzati da un sostanziale sostegno al piano voluto dall’assessore Giorgio Aprile (nella foto) e dal sindaco Piero Torchi. Alcune puntualizzazioni da parte di Forza Italia, di Mpa, del centro sinistra ma un accordo di fondo sulla necessità di perseguire sulla strada intrapresa.

Qualche schiamazzo è venuto solo dalla tribuna dove si erano raccolti una ventina di commercianti che hanno costretto sindaco ed amministrazione a convocare una seduta del consiglio per una decisione che era già maturata in tutti i settori politici e soprattutto accolta e già metabolizzata dalla città. Marisa Giunta è stata investita da qualche stizzito commento anche se il presidente Enzo Scarso ha subito riportato la discussione nell’alveo della correttezza e del reciproco rispetto.

Non ci sono state dunque voci fuori dal coro rispetto alla validità del piano e chi attendeva dagli organi tecnici qualche appunto o critica per dare fiato alle richieste dei commercianti ha dovuto prendere atto degli elementi forniti dal comandante dei vigili urbani che nel suo intervento ha rilevato, dati alla mano, la maggiore fluidità dei flussi , la diminuzione degli incidenti, la scorrevolezza dei percorsi, seppur più allungati rispetto al passato.

Luigi Carpenzano, Forza Italia, ha proposto alcune lievi modifiche, come l’inversione del flusso nella parallela di via S. Cuore, la creazione di parcheggi a spina di pesce in via S. Cuore, l’inversione del senso di marcia nella bretella di piazza Libertà. Modifiche che saranno passate al vaglio di un tavolo tecnico già convocato per lunedì e di cui farà parte anche una delegazione di commercianti.

Si tratterà tuttavia solo di una messa a punto perché Giorgio Aprile ed il sindaco hanno portato a casa il sostegno del consiglio sull’impianto generale del piano. L’assessore alla viabilità dal suo canto è pronto a rendere il piano definitivo dopo cinque mesi di sperimentazione; non appena le modifiche proposte saranno inserite si passerà alla sistemazione della segnaletica.

Già entro natale transenne e segnaletica mobile potrebbero scomparire dalle strade per rendere più sicura la circolazione ma soprattutto per chiudere una volta per tutte una discussione durata fin troppo tempo e che l’amministrazione non si è sentita di chiudere in modo autonomo anche alla luce del fatto che i commercianti che hanno portato avanti la protesta non avevano alle loro spalle neppure le loro organizzazioni di categoria ed hanno da sempre rappresentato una esigua minoranza come d’altronde la manifestazione di lunedì scorso ha ampiamente dimostrato.