Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1341
MODICA - 21/10/2010
Attualità - Modica: i mandati di pagamento sono stati trasmessi alla tesoreria comunale

Si ripete il triste copione: dopo le proteste arrivano i soldi

Tra le organizzazioni sindacali tra l’altro c’è il muro contro muro; Cisl da un lato e Cgil, Uil, Diccap e Silpol dall’altro

I mandati di pagamento dello stipendio di agosto sono stati trasmessi alla tesoreria comunale. Lo stipendio dovrebbe dunque essere accreditato nei conti correnti entro domani. E’ il primo passo dell’amministrazione per svelenire la difficile situazione a palazzo S. Domenico anche se i dipendenti restano sul piede di guerra.

Tra le organizzazioni sindacali tra l’altro c’è il muro contro muro; Cisl da un lato e Cgil, Uil, Diccap e Silpol dall’altro. Se queste ultime sigle sono più possibiliste e chiedono comunque che da lunedì prossimo sia pagato lo stipendio di settembre la Cisl è più oltranzista e non fa sconti all’amministrazione. Oggi alle 11 gli iscritti alla Cisl si raduneranno davanti alla stanza del sindaco a palazzo S. Domenico per un sit-in che si annuncia movimentato.

Il segretario aziendale Cisl, Bartolo Di Martino è inoltre chiaro su un paio di punti «Non ci accontentiamo del pagamento della sola mensilità di agosto; occuperemo l’aula consiliare se non avremo un piano di pagamento certo del mese di settembre e di quelli successivi». La Cisl ha fatto un po’ di conti dai quali emerge che in questi giorni sono arrivati due milioni di euro presso la tesoreria comunale ed altri 750 mila euro; con altri 600 mila euro a titolo di contributi dello Sato si arriva ad una disponibilità di cassa di tre milioni 350mila euro. «Queste sono somme certe – precisa Bartolo Di Martino- Delle altre non abbiamo contezza. Tra qualche giorno matura ottobre e nessun piano dei pagamenti è stato predisposto. Ricordo inoltre che tra 60 giorni chiude la tesoreria per riaprire solo a fine gennaio. L’altro introito certo è la prima rata 2011 dello Stato a febbraio. Che ne sarà dei nostri stipendi che matureranno fino ad allora?»

La Cisl tende a sorvolare sulle assicurazioni date dal sindaco rispetto alle somme che saranno incamerate dall’ente grazie alle anticipazioni della Serit che potrebbero arrivare anche ad un milione di euro. Il sindaco si è impegnato a considerare prioritaria la questione stipendi ma i sindacati premono e chiedono fatti soprattutto in proiezione futura.