Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 894
MODICA - 17/10/2010
Attualità - Modica: spenti lampioni vecchi e nuovi in corso Umberto

L´illuminazione solo artistica, Modica nella penombra

L’amministrazione non riesce da un anno ad attivare il nuovo impianto

L’impianto c’è ma il corso Umberto resta nella penombra. In questi giorni inoltre tutta la parte bassa dell’arteria principale della città e piazza Rizzone sono letteralmente al buio visto che il vecchio impianto è andato in tilt.

La storia si ripete anche in viale Medaglie d’oro ed a cicli alternati in altre sezioni del corso Umberto. La rabbia di cittadini, commercianti e residenti è che il nuovo impianto di illuminazione artistica è stato ultimato ma non ancora attivato. Anzi solo tre lampioni su sei di piazza Matteotti sono al momento funzionanti mentre per il resto c’è il silenzio, o meglio ancora il buio, più assoluto. Il nuovo impianto che va da piazza Rizzone a piazza Municipio ed arriva poi alla chiesa di S. Maria è costato quasi 800 mila euro, è stato completato nel marzo dello scorso anno ma è inutilizzato.

Le divergenze sul colore dei corpi illuminanti, bianche come suggerito dalla sovrintendenza, o gialle come voluto dall’amministrazione, ne ha bloccato l’attivazione visto che una decisione, seppur annunciata a breve termine dal sindaco, non è stata ancora presa ed il corso Umberto resta nella penombra con pericoli per i pedoni per i quali attraversare la strada diventa un pericolo ed un decoro complessivo della città che va a farsi benedire.

Tenere inutilizzato un impianto nuovo, tecnologicamente avanzato ed anche gradevole è del tutto insensato soprattutto se la luce manca ed il vecchio impianto non funziona. Molti cittadini protestano, i «popolari per la Sicilia» si sono fatti promotori di una petizione al sindaco perché sia fatta finalmente luce.