Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1165
MODICA - 14/10/2010
Attualità - Modica: il tour Essenza di Sicilia tocca il sud Est

Bugatti day con 25 auto d´epoca nel cuore di Modica

Macchine schierate lungo il corso Umberto per il piacere e la curiosità di grandi e piccoli
Foto CorrierediRagusa.it

E’ festa Bugatti per grandi e piccoli. Centinaia di persone, tra cui molti studenti, anno circondato le Bugatti d’epoca che alle 10.30 hanno puntualmente parcheggiato lungo il tratto di corso Umberto che va dalla chiesa di S. Pietro a piazza Municipio.

In tutto 25 equipaggi italiani e stranieri, con rappresentanza svizzera, britannica, tedesca e francese, che danno vita in questi giorni ad «Essenza di Sicilia» il tour dell’isola organizzato dal club Bugatti Italia. E’ stata l’occasione per toccare con mano, in modo anche letterale, e salire a bordo di esemplari raffinati e di grande fascino.

All’ombra della scalinata di S. Pietro il Tipo 13 del 1919 con marce e freno a mano esterni all’abitacolo rigorosamente scoperto, la Tipo 35 che partecipò negli anni 20’ e 30’ alle gare di Formula 1; non solo Bugatti tuttavia perché la sfilata ha anche annoverato una Jaguar XK 120 ed una Aston Martin che hanno impreziosito ancor più il Bugatti day. Agli equipaggi un rinfresco offerto da Dolceria Bonajuto a base di «impanatigghie», cioccolato e biancomangiare ed un piatto ispirato dalla Bugatti Brescia 1919 realizzato dall’azienda Godot a ricordo della giornata modicana.

Per gli studenti delle scuole medie e superiori non solo il piacere di conoscere esemplari d’epoca ma anche l’opportunità di partecipare ad un concorso fotografico che premierà gli scatti più belli grazie alla collaborazione tra l’amministrazione comunale ed il Bugatti Club Italia presieduto da Franco Majno (Nella foto con un gruppo di partecipanti)