Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 858
MODICA - 14/10/2010
Attualità - Modica: la protesta del presidente dell’Ascom di Modica, Giuseppe Assenza

Ambulantato selvaggio nei mercati a Ragusa e Modica

Chiesti maggiori controlli e misure efficaci di prevenzione

E´ una piaga che affligge il mondo dell´ambulantato. A Ragusa in contrada Selvaggio il comando della Polizia Municipale ha effettuato mercoledì una serie di controlli ed elevato multe nei confronti hanno occupato abusivamente delle postazioni. Il fenomeno è comune e anche Modica con i suoi mercati rionali ne risente.

«Siamo stufi di aspettare» dice il presidente della Associazione Commercianti, Giuseppe Assenza. L’abusivismo degli ambulanti nei mercati rionali ritorna ancora una volta alla ribalta e si ripropone visto che gli appuntamenti settimanali in contrada Caitina o a Modica Alta registrano un alto numero di abusivi. Dice il presidente dell’Ascom

«E’ una situazione pesante in un momento di crisi economica come quello attuale. L’amministrazione ci aveva garantito che avrebbe interessato anche altre forze di polizia, oltre ai vigili urbani, per cercare di effettuare controlli accurati, facendo sgomberare il campo a chi non detiene le relative autorizzazioni. Queste assicurazioni, a cui continuiamo a prestare fede, per il momento sono cadute nel vuoto. Per quanto ci riguarda il tempo delle attese è concluso. E non saremo più disponibili ad ulteriori proroghe di fiducia visto e considerato che tutte le possibilità sono state concesse ad un’amministrazione che a parole, per quanto riguarda questo argomento, si è spesa tantissimo e che però, per quanto concerne i fatti, sembra latitare»

Il presidente Assenza deve registrare le lamentele e le proteste degli ambulanti in regola con le autorizzazioni che soffrono la concorrenza sleale anche perché gli abusivi occupano posizioni appetibili e strategiche all’interno dell’area del mercato.