Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 971
MODICA - 11/12/2007
Attualità - Modica - I sindacati chiedono certezze all’amministrazione

Natale austero per dipendenti comunali e delle cooperative?
Gli stipendi dovrebbero arrivare

Slitta a gennaio il pagamento della tredicesima Foto Corrierediragusa.it

Dipendenti comunali e personale delle cooperative sempre preoccupati per il loro futuro. I dipendenti si sono riuniti in assemblea ed hanno chiesto al sindaco tempi certi per la corresponsione dello stipendio di Novembre, di Dicembre e della 13ma trovando risposte che dovranno tuttavia essere verificate nei fatti.

Entro la prossima settimana infatti dovrebbe andare in pagamento lo stipendio di Novembre, prima di Natale quello di Dicembre. Dubbio invece il pagamento della 13ma con uno slittamento a gennaio. Dal canto loro i sindacati di categoria vogliono premunirsi per il prossimo anno ed in preparazione del bilancio 2008 hanno posto dei paletti.

Sia i sindacati di categoria sia quelli provinciali hanno infatti chiesto al sindaco una programmazione certa che faccia del pagamento degli emolumenti ai dipendenti un punto fermo della manovra. A questo proposito i segretari dei tre sindacati hanno chiesto di conoscere nel dettaglio la proposta organica del sindaco prima di sedersi al tavolo del confronto. Non meno facile è la situazione dei dipendenti delle cooperative che hanno manifestato il loro disagio nell’aula di palazzo S. Domenico nel corso della seduta del consiglio.

I lavoratori hanno poi incontrato consiglieri ed amministratori per avere qualche notizia sul pagamento degli arretrati visto che sono arrivati ormai ad otto i mesi di arretrati. Il sindaco Piero Torchi nel corso dei lavori in aula ha fatto dei distinguo sull’atteggiamento delle cooperative salvandone alcune per il loro comportamento responsabile e criticandone altre per l’uso strumentale che i dirigenti fanno del malessere dei lavoratori. Torchi ha anche prospettato l’ipotesi di una assunzione in proprio da parte dell’ente dei servizi svolti da alcune cooperative.