Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 512
MODICA - 24/09/2010
Attualità - Modica: in città gli studenti finlandesi della Helsinki School of English

Gemellaggio tra Modica e Finlandia, Europa più unita

Gli alunni sono stati ricevuti nell’aula consiliare di palazzo San Domenico dal sindaco Antonello Buscema e dal suo vice Enzo Scarso
Foto CorrierediRagusa.it

E’ ancora gemellaggio tra Modica e la Finlandia. Le alunne e gli alunni della Helsinki School of English, una scuola cattolica privata, accompagnati dalla coordinatrice Paivi Huntinen e dalla collega Samantha Levsson, sono stati ricevuti nell’aula consiliare di palazzo San Domenico dal sindaco Antonello Buscema e dal suo vice Enzo Scarso. Gli alunni finlandesi hanno in corso uno scambio culturale, che si protrae ogni anno ormai dal 2005, con il liceo classico «Campailla». Gli alunni della 3° A del glorioso liceo erano invece accompagnati dal neo preside Girolamo Piparo, che sta proseguendo nel solco tracciato dai suoi predecessori, e dal suo vice Fortunato Gennaro. Il sindaco, nel suo intervento, ha sottolineato che «Gli scambi culturali tra giovani impegnati nei percorsi formativi costituiscono importanti strumenti per realizzare l’Europa dei Popoli rispetto a quella codificata delle Nazioni. Queste azioni – ha concluso Buscema – uniscono i Paesi nel solco delle loro secolari tradizioni, facendone emergere identità e spessore civile ed intellettuale».

Al primo cittadino un alunno finlandese ha donato due confezioni di cioccolato e altri prodotti della tradizione culinaria della Finlandia. Il sindaco ha ricambiato donando alle docenti una guida turistica della città e ai ragazzi la moneta rievocativa il settimo centenario della Contea di Modica. «Ritengo queste esperienze estremamente positive – ha commentato il dirigente scolastico Piparo – perché aiutano i nostri studenti a conoscere l’Europa in maniera divertente, nell’ottica del dialogo».