Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 857
MODICA - 12/09/2010
Attualità - Modica: intervento senza fronzoli nell’aula consiliare

L´assessore al bilancio rimette la delega dopo aver illustrato lo strumento

L’ex sindaco Torchi bolla le parole dell’amministratore come «pseudo e mellifluo buonismo»

L´assessore al bilancio (ancora per poco) Peppe Sammito ha relazionato in aula sul bilancio 2010: un intervento senza fronzoli e soprattutto sereno, apprezzato da maggioranza ed opposizione. Sammito ha dato le sue ricette ha qualcosa da dire sul futuro. «Per risolvere la questione finanziaria ci sono tre condizioni –dice l’assessore- Dobbiamo essere consapevoli di agire come se fossimo in una situazione di dissesto, quindi grandi risparmi ed aumento delle entrate; dobbiamo essere aiutati non con contributi a fondo perduto ma con transazioni realistiche, poi dobbiamo ricominciare a realizzare progetti perché non si può sempre recitare la litania del debito.

Quello che più mi preoccupa sono le situazioni debitorie con l’università di Catania che ci ha notificato un precetto di nove milioni, sette milioni di Ato Ambiente, Enel, comune di Scicli e società partecipate. Se per caso tutti in una volta volessero intentare operazioni di recupero del debito andremmo in dissesto. Punteremo sulle transazioni e daremo come garanzia anche l’affidabilità e la serietà di questa amministrazione».

Le parole di Peppe Sammito sono bollate come «pseudo e mellifluo buonismo» da parte dell´ex sindaco Piero Torchi che dice la sua sul bilancio approvato.»Il debito del comune è storicizzato – dice l’ex sindaco- Era di 40 miliardi di lire negli anni 80 come denunciato dal sindaco Concetto Scivoletto. Il bilancio 2010 non fa registrare né riduzione di spesa né di entrate e le entrate sono sovrastimate. Basti vedere l’introito per la pubblicità, calcolato in un milione l’anno ma a luglio l’entrata è di appena 98mila euro e così via». Anche sugli strumenti di finanza derivata, gli swap, Piero Torchi rileva come il saldo attivo per il comune è positivo. «I debiti fuori bilancio –dice Piero Torchi- li ho pagati anch’io senza polemiche ed accuse. Nel 2002, un milione 250 mila euro a Ragusa per l’uso della discarica».