Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1057
MODICA - 01/09/2010
Attualità - Modica: "calumet della pace" tra il sindaco e il componente del collegio dei liquidatori Sulsenti

Rapporti più distesi tra Buscema e l´Ato ambiente

L’emergenza non è superata e saranno chieste alla Regione delle anticipazioni di cassa

Dopo le «stilettate» del presidente del collegio dei liquidatori dell’Ato ambiente Fulvio Manno, che aveva suggerito al sindaco Antonello Buscema di dimettersi a causa del debito di 9 milioni maturato con la società d’ambito, ci pensa Giuseppe Sulsenti a stemperare i toni. Il componente del collegio dei liquidatori ha difatti incontrato ieri il primo cittadino a palazzo San Domenico, alla presenza del ragioniere capo del comune di Modica, Angelo Sammito. Oggetto del vertice, ovviamente, i difficili rapporti economici del comune con l’Ato ambiente e le modalità da seguire per scongiurare il blocco dell’operatività della società d’ambito.

Il problema è scaturito dalla rinnovata azione di recupero del credito intentata a carico dell’ente dall’Agesp di Castellammare del Golfo, che ha gestito a Modica il servizio di raccolta dei rifiuti nel 2005, e che vanta un credito per oltre 800 mila euro. Proprio il pagamento di questa somma da parte del comune rischia di bloccare l’Ato, con conseguenze gravi anche per gli altri comuni iblei, che dovrebbero anticipare le somme per coprire il debito di Modica.

Buscema si è impegnato a trasferire, entro questa settimana, le somme occorrenti per tamponare la vicenda Agesp e sbloccare l’attività dell’Ato. «Con il sindaco – dichiara Sulsenti – abbiamo avuto modo di chiarire le rispettive posizioni su alcuni atti e decisioni che hanno innescato negli ultimi giorni commenti e reazioni, alcune volte sopra le righe. Riteniamo che sia il momento di fare quadrato, di offrire piena collaborazione e cercare le migliori e praticabili soluzioni a problemi che si presentano come vere e proprie emergenze da risolvere in tempi brevissimi. Buscema – aggiunge il componente del collegio dei liquidatori – ha assicurato la trasmissione all’Ato di tutta la documentazione richiesta per adempiere ad un preciso obbligo della società d’ambito, in riferimento all’elencazione di una serie di dati tecnici ed economici agli assessorati regionali competenti».

L’emergenza non è superata e per questo motivo saranno chieste alla Regione delle anticipazioni di cassa, attivando i poteri del presidente della Regione Raffaele Lombardo, in qualità di commissario straordinario per l’emergenza rifiuti. «L’assemblea del 6 settembre – conclude Sulsenti – si rivelerà fondamentale affinché i sindaci soci forniscano al collegio dei liquidatori indirizzi e direttive tecniche ed economiche utili a supportare la difficile attività gestionale e consentire dunque all’organismo di cui faccio parte di concertare delle proposte di intervento».