Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 763
MODICA - 16/08/2010
Attualità - Modica: ridotto il debito, ma ci sono ancoraoltre venti milioni di arretrati

Modica: il bilancio approda in aula con sei mesi di ritardo

È stato un parto travagliato, annunciato per febbraio, protrattosi per tre mesi oltre il limite naturale della scadenza

«È un bilancio con capitoli chiari, senza artifizi e un conto consuntivo che certifica la riduzione del disavanzo del comune di tre milioni di euro». Peppe Sammito, assessore al bilancio, è soddisfatto del lavoro portato a termine con la consegna degli strumenti finanziari al sindaco e al presidente del consiglio; è realistico pensare che, dopo il parere della commissione, il bilancio arrivi in aula per l´approvazione entro la fine del mese.

È stato un parto travagliato, annunciato per febbraio, protrattosi per tre mesi oltre il limite naturale della scadenza, fissata dall´assessorato Enti locali al 31 maggio. Dice Peppe Sammito: «Sarebbe stato facile redigere un bilancio vago, con capitoli omnibus dove si può inserire tutto e il contrario di tutto. Abbiamo scelto la strada della chiarezza; ci sono capitoli molto dettagliati, ogni spesa dovrà essere imputata a una specifica voce, non ci saranno spazi per divagazioni da parte di nessuno».

L´assessore manifesta un certo ottimismo, ma sa che la strada è ancora in salita e spiega che «siamo in recupero, come dimostrano i numeri, ma non sappiamo quando usciremo dalla condizione di comune strutturalmente deficitario. Questa è la strada maestra e spetterà a noi, o a chi verrà dopo di noi, seguirla se non si vuole affondare. Riferisco un particolare per capire l´inversione di tendenza. Nel 2007 a palazzo San Domenico il rapporto tra impiegati comunali e popolazione era di 1 ad 82; nel 2008 di 1 ad 86, nel 2009 di 1 ad 89 nel 2010 di 1 a 92. Significa che il costo per il personale diminuisce con evidenti vantaggi per le casse comunali.

Nel bilancio 2010 non ci sono solo tagli e riduzione di personale; abbiamo iscritto somme importanti per un settore come quella manutenzione; potremo spendere un milione 750 mila euro, soprattutto dedicandoci alle strade e alle condutture fognarie e idriche per migliorare i servizi al cittadino. La macchina burocratica inoltre migliorerà, perché doteremo l´ente di un nuovo software gestionale, che consentirà operazioni più veloci e accurate a beneficio dell´utenza».

Il bilancio 2010 va di pari passo con l´approvazione del conto consuntivo del 2009, ovvero la certificazione dello stato delle finanze comunali nell´anno di riferimento. Il conto consuntivo ha avuto il parere favorevole dei revisori dei conti, che hanno rilevato il recupero dei tre milioni di debiti. «Anche in questo caso – dice l´assessore Sammito – è bene che i cittadini sappiano l´andamento dei conti negli ultimi anni. Nel 2007, c´era un disavanzo di 21 milioni, nel 2008 il disavanzo è sceso a 21 milioni e mezzo e, inoltre, sono stati riconosciuti e pagati tre milioni 293 mila euro di debiti fuori bilancio. Nel 2009, il disavanzo è sceso a 18 milioni 297 e sono stati riconosciuti debiti fuori bilancio per quattro milioni».

A fronte di questi dati positivi, Sammito deve confrontarsi con una montagna di debiti istituzionali, ben venti milioni, dovuti a università, Enel, comune di Scicli per la discarica, Telecom. «È – ammette l´assessore – un problemaccio. Sappiamo che se questi enti battessero cassa tutti insieme ci manderebbero in dissesto. Stiamo tentando di arrivare a transazioni, ma è difficile. Abbiamo e chiediamo un approccio realistico, ma non dipende solo da noi».